18:50 17 Novembre 2018
Усама Бен Ладен

Medico che aiutò a uccidere Bin Laden trasferito in altra prigione a causa di tentata fuga

© http://blogues.cyberpresse.ca
Mondo
URL abbreviato
572

Medico Shakil Afridi, che ha aiutato i servizi segreti degli Stati Uniti a uccidere terrorista Osama bin Laden e che Trump aveva promesso di liberare, è stato trasferito da una prigione a Peshawar in Pakistan in un altro luogo di detenzione a causa di un tentativo di fuga, riporta Sputnik.

Poco dopo l'eliminazione di Bin Laden nel maggio 2011, i media statunitensi hanno riferito che alla sua morte ha contribuito Afridi: il medico su ordine della CIA entrò nella casa dove presumibilmente viveva il capo di Al-Qaeda e con il pretesto di una vaccinazione raccolse dei campioni di DNA dei membri della famiglia del terrorista.

L'allora capo del Pentagono Leon Panetta e il Segretario di Stato Hillary Clinton ha riconosciuto apertamente il merito di Afridi nella eliminazione di Bin Laden. L'operazione statunitense, condotta all'insaputa delle autorità pakistane sul loro territorio provocò aspre critiche da parte di Islamabad contro Washington e le relazioni bilaterali peggiorarono gravemente. Più tardi, su verdetto della corte pakistana, Afridi fu incarcerato.

"Alla fine di dicembre 2017 i servizi segreti pachistani sono venuti a conoscenza dei piani di fuga del dottor Shakil Afridi dal carcere di Peshawar, e quindi il piano è stato sventato" ha detto la fonte.

Secondo lui, uno degli informatori dei servizi segreti pachistani ha riferito della preparazione di fuga, e che qualcuno si sta interessando a piano della prigione, a questo proposito "Afridi è stato trasferito in un luogo sicuro ignoto".

 

Correlati:

Dal sito della CIA scompare archivio declassificato su Osama bin Laden
Commando americano scrive di come ha ucciso Bin Laden
Irruzione di ladri nella casa di Parigi della famiglia Bin Laden
Tags:
omicidio, omicidi, Omicidi, Donald Trump, Hillary Clinton, Barack Obama, Bin Laden, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik