07:08 21 Maggio 2018
Roma+ 16°C
Mosca+ 7°C
    Gaia’s all-sky view of our Milky Way Galaxy and neighbouring galaxies, based on measurements of nearly 1.7 billion stars. The map shows the total brightness and colour of stars observed by the ESA satellite in each portion of the sky between July 2014 and May 2016.

    La più grande mappa della galassia nella storia dell'umanità

    © Courtesy of the European Space Agency
    Mondo
    URL abbreviato
    182

    Ieri, l'Agenzia Spaziale Europea ha pubblicato la più grande mappa stellare della storia dell'astronomia. È stato creato dal progetto Gaia e la raccolta di informazioni ha richiesto diversi anni. La mappa figura la posizione esatta di oltre un miliardo di stelle.

    La missione dell'Agenzia Spaziale Europea è iniziata nel 2013 con il lancio del satellite Gaia. Per i due anni successivi  il satellite ha scansionato l'intero cielo stellato due volte all'anno e ha usato queste informazioni per creare immagini tridimensionali. La combinazione di immagini scattate con intervalli di sei mesi (cioè, sono state fatte da lati opposti della Terra) hanno aiutato a rivelare le distanze tra le varie stelle.

    Ora abbiamo un database con distanze fino a 1,3 miliardi di stelle. E l'accesso a questo database è completamente aperto, in modo che gli scienziati di tutto il mondo possano utilizzarlo.

    Questa base dati è già unica, ma Gaia fornisce molte più informazioni e non si limita alle distanze. Il satellite segue i movimenti delle stelle, fissa il colore e la luminosità di quasi tutte le stelle fisse, offrendo agli astronomi un enorme materiale per la ricerca.

    La mappa del satellite Gaia è consultabile sul sito web dell'Agenzia Spaziale Europea.

     

    Correlati:

    ESA: UE e Russia pronti a volare verso Mercurio nel 2018
    Roscosmos: no rinnovo contratti con Nasa ed Esa dopo il 2018
    Spazio, Esa: Il prossimo Sentinel-1B decollerà da Kourou con un Soyuz
    Tags:
    Spazio, spazio, Esplorazione dello spazio, ESA, Europa
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik