16:35 24 Febbraio 2020
Mondo
URL abbreviato
182
Seguici su

Ieri, l'Agenzia Spaziale Europea ha pubblicato la più grande mappa stellare della storia dell'astronomia. È stato creato dal progetto Gaia e la raccolta di informazioni ha richiesto diversi anni. La mappa figura la posizione esatta di oltre un miliardo di stelle.

La missione dell'Agenzia Spaziale Europea è iniziata nel 2013 con il lancio del satellite Gaia. Per i due anni successivi  il satellite ha scansionato l'intero cielo stellato due volte all'anno e ha usato queste informazioni per creare immagini tridimensionali. La combinazione di immagini scattate con intervalli di sei mesi (cioè, sono state fatte da lati opposti della Terra) hanno aiutato a rivelare le distanze tra le varie stelle.

Ora abbiamo un database con distanze fino a 1,3 miliardi di stelle. E l'accesso a questo database è completamente aperto, in modo che gli scienziati di tutto il mondo possano utilizzarlo.

Questa base dati è già unica, ma Gaia fornisce molte più informazioni e non si limita alle distanze. Il satellite segue i movimenti delle stelle, fissa il colore e la luminosità di quasi tutte le stelle fisse, offrendo agli astronomi un enorme materiale per la ricerca.

La mappa del satellite Gaia è consultabile sul sito web dell'Agenzia Spaziale Europea.

 

Correlati:

ESA: UE e Russia pronti a volare verso Mercurio nel 2018
Roscosmos: no rinnovo contratti con Nasa ed Esa dopo il 2018
Spazio, Esa: Il prossimo Sentinel-1B decollerà da Kourou con un Soyuz
Tags:
Spazio, Esplorazione dello spazio, ESA, Europa
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook