08:02 24 Maggio 2018
Roma+ 14°C
Mosca+ 13°C
    Agenti della polizia antisommossa in Piazza Maidan

    Zakharchenko: ho i documenti sui fatti di Maidan e li darò ad un tribunale

    © Sputnik . Andrey Stenin
    Mondo
    URL abbreviato
    3390

    L'ex ministro dell'Interno ucraino Vitaly Zakharchenko ha dichiarato di aver portato via dall’Ucraina i documenti sul colpo di Stato e le sparatorie in piazza Maidan e ha promesso di consegnarli ai giudici.

    L'ex ministro ha sottolineato che le autorità hanno cercato di nascondere i loro crimini e hanno persino concordato la legge sulla distruzione delle prove.

    "La prima legge che è stata approvata dal parlamento ucraino era una legge in base alla quale tutte le prove e le testimonianze delle persone coinvolte nel colpo di stato dovevano essere distrutte", ha detto Zakharchenko durante una conferenza stampa.

    Egli ha spiegato che i documenti sono fondamentali per avviare una causa penale contro i responsabili di diversi crimini, e per questo ha deciso di portarli in Russia.

    "Fornirò questi documenti ad un tribunale che deciderà di condurre un'indagine in modo reale, obiettivo e completo", ha spiegato.

    Zakharchenko ha anche affermato che le sparatorie in piazza Maidan nel febbraio 2014 sono state eseguite da tre gruppi indipendenti di cecchini.

    "I tre gruppi non erano direttamente collegati… I primi sono quelli che di cui sappiamo tutto, come Bubenchik, e quelli che apertamente sono andati in piazza Maidan con armi da caccia… Ma c'è un terzo gruppo che… si è recato segretamente in piazza Maidan e altrettanto segretamente ha lasciato la piazza. E ancora in modo segreto sono state consegnate le armi e poi ritirate", ha aggiunto.

    Correlati:

    Cecchini a Maidan: nuovi sviluppi
    Sparate a tutti gli obiettivi in piazza Maidan: nuove testimonianze dai cecchini georgiani
    Cecchino georgiano fa nomi di due omicidi di piazza Maidan
    Tags:
    Tribunale, colpo di stato, sparatoria, Maidan, documenti, Aleksandr Zakharchenko, Ucraina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik