20:33 17 Agosto 2018
Artico

La quantità di particelle di plastica nei ghiacci dell'Artico è aumentata mille volte

© Sputnik . Vladimir Baranov
Mondo
URL abbreviato
223

Un metro cubo di ghiaccio artico, può contenere fino a diversi milioni di microparticelle di plastica, hanno scoperto gli scienziati tedeschi.

Si tratta di circa mille volte in più, rispetto ai risultati delle precedenti misurazioni effettuate nel 2014. Il ghiaccio nell'oceano Artico può essere un "archivio" di microparticelle di plastica, nel processo di fusione diventerà una importante fonte di plastica dell'oceano, scrivono i ricercatori su Nature Communications. Oggi nel mondo si producono circa 300 milioni di tonnellate di plastica all'anno, la maggior parte è rifiuti di plastica non riciclabile, che viene buttata. Una notevole quantità di detriti di plastica si accumula negli oceani di tutto il mondo: ad esempio, secondo stime recenti, in una delle più grandi macchie del Pacifico ci sono da 5 a 20 mila tonnellate di plastica. I rifiuti di plastica pregiudicano la vita degli animali dell'oceano, ad esempio, contaminano e indeboliscono le barriere coralline nell'oceano Pacifico o minano le catene alimentari degli ecosistemi marini.

Gli scienziati tedeschi dell'Istituto di ricerca polare e marina Alfred Wegener, sotto la guida di Ilka Peeken, hanno dimostrato che gran parte delle microparticelle di plastica (di dimensioni inferiori a 5 mm) si accumula nel ghiaccio artico. Per questo con l'aiuto di una spettroscopia ad infrarosso, gli scienziati hanno analizzato la composizione del ghiaccio prelevato in diversi punti dell'Oceano Artico dal 2005 al 2015. Secondo gli autori dello studio, a seguito della ricerca per la prima volta, si è ottenuta una mappatura dettagliata della concentrazione delle microparticelle di plastica nell'Artico.

Si è scoperto che la concentrazione di microparticelle di plastica varia da 1 a 12 milioni di pezzi per metro cubo in diverse parti dell'oceano, ci sono tre ordini di grandezza per gli indicatori, che sono stati ottenuti da un precedente studio, pubblicato nel 2014. La maggior parte delle particelle ha una dimensione inferiore a 50 micrometri, due terzi di particelle sono inferiori a 11 micrometri. La concentrazione massima è stato fissata nei campioni di ghiaccio dello stretto di Fram, dove sono stati rilevati 17 diversi tipi di plastica. Più di tutto sono state trovate microparticelle di vernice ad olio (poliacrilato e poliuretano), polietilene. La composizione chimica delle microparticelle di plastica, raccolti in diverse aree dell'oceano, e in diversi strati orizzontali di ghiaccio, si è cristallizzata in tempi diversi.

Secondo gli scienziati, il contenuto della micro plastica nel ghiaccio è quello con cui il ghiaccio si è formato, con l'aiuto dei dati ottenuti sono riusciti a tracciare esempi di percorsi dei detriti di plastica nell'Artico. Gli scienziati hanno dimostrato che nel mar glaciale Artico ci sono due principali fonti di microparticelle di plastica: il mare di Laptev da Usa e Asia e il Bacino di Makarov eurasiatico. Il trasferimento di plastica all'interno dell'oceano si verifica principalmente a causa delle correnti dell'oceano Artico.

Gli scienziati sottolineano che il ghiaccio può essere per un "archivio" temporaneo della plastica, quindi, in conseguenza dello scioglimento stagionale, dei cambiamenti climatici globali, diventerà una fonte di plastica in mare.  

Il percorso nell'oceano della plastica, e delle micro-particelle e detriti di grandi dimensioni, è determinato in primo luogo dalla struttura delle correnti superficiali, che non solo portano alla formazione di grandi macchie sulla superficie dell'oceano, ma anche sulla terra non abitata. Per descrivere i meccanismi di trasferimento in un oceano della spazzatura, gli scienziati spesso ricorrono all'aiuto di complessi modelli fisici, basati su approccio idrodinamico o sulla teoria cinetica dei gas.

Correlati:

NASA scopre fosse insolite nei ghiacci dell'Artico
Nell'Artico trovati i primi subglaciali salati al mondo
Resi noti i termini di soluzione della richiesta per la piattaforma nell'Artico
Tags:
ghiaccio, rifiuto, Artico
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik