16:26 15 Agosto 2018
Sistema antimissile S-300

Politologo: gli S-300 russi in Siria spaventano Israele

© Sputnik . Kirill Kallinikov
Mondo
URL abbreviato
9282

La fornitura dei sistemi missilistici russi S-300 alla Siria e il loro successivo dispiegamento hanno messo in allarme Israele. Lo ha raccontato a Sputnik il politologo siriano Humeidi Abdallah.

"Il fattore israeliano influenza notevolmente l'attuazione di questo accordo. Tel Aviv cercherà di far deragliare o ritardare l'attuazione di questo accordo. Gli S-300 in Siria influenzeranno l'equilibrio del potere in tutta la regione, compreso il conflitto arabo-israeliano, la situazione sulle alture del Golan. Damasco è pronta a pagare tutte le fatture necessarie; non risparmiano sulla sicurezza", ha detto Abdallah.

L'esperto ha spiegato che la protezione del territorio siriano dagli attacchi aerei è nell'interesse sia di Mosca che di Damasco, per questo la Russia fornirà nuovi sistemi di difesa aerea al suo partner.

"Ora il governo siriano sta aggiungendo le armi russe al suo arsenale, oltre a modernizzare i sistemi di difesa aerea esistenti, acquistati decenni fa", ha aggiunto Abdallah.

In precedenza, i media hanno riferito che la Russia potrebbe iniziare a fornire alla Siria i complessi Favorit S-300 a garanzia della difesa aerea.

Il ministro della Difesa israeliano Avigdor Lieberman, in un'intervista a YNet, ha dichiarato che Israele attaccherà se la Siria dovesse usare i sistemi missilistici antiaerei russi.

Il Cremlino ha rifiutato di commentare la probabilità di tali forniture. Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha fatto sapere che la questione non è ancora risolta e che sarà necessario attendere i negoziati tra Mosca e Damasco.

Correlati:

Israele: risponderemo se la Siria userà gli S-300 contro nostri aerei
In Israele soddisfazione per i raid occidentali in Siria: “segnale a Damasco e Teheran”
Rappresentante permanente della Siria all’ONU commenta gli attacchi d’Israele
Tags:
Difesa, S-300, commento, esperto, Israele, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik