14:00 26 Maggio 2018
Roma+ 26°C
Mosca+ 18°C
    A view of a part of western Mosul, Iraq, May 29, 2017

    Emirati Arabi ricostruiranno il luogo di nascita dello Stato Islamico

    © REUTERS / Alkis Konstantinidis/File photo
    Mondo
    URL abbreviato
    111

    Gli Emirati Arabi Uniti contribuiranno a restaurare la storica moschea della cattedrale An-Nuri a Mosul, distrutta durante gli scontri con il gruppo terroristico dello Stato islamico, riporta UAE News.

    Secondo il portale, gli accordi per la ricostruzione tra le autorità dell'Iraq e degli Emirati Arabi Uniti sono stati firmati il 23 aprile. Il Ministro della Cultura degli Emirati Arabi, Nur al-Kaabi, ha dichiarato che il paese finanzierà lavori di costruzione per un valore di 50,4 milioni di dollari. "Il progetto quinquennale è necessario non solo per la ricostruzione, ma anche per ridare speranza alla gioventù irachena, una civiltà che ha migliaia di anni da preservare" ha osservato.

    Mosul, Iraq
    © REUTERS / Alkis Konstantinidis/File photo
    La moschea fu costruita nel XII secolo e fu successivamente ricostruita più volte. Era conosciuta come il minareto "gobbo" di al-Hadba, pendente ad est, l'unica parte rimasta originale della struttura. Proprio in questa Moschea il leader dello Stato Islamico Abu Bakr al-Baghdadi proclamò l'istituzione del califfato. Nel giugno 2017, l'edificio fu distrutto durante la battaglia con i terroristi, è rimasto in piedi solo il minareto. I militari iracheni hanno detto che è stato fatto saltare in aria dai membri dello Stato Islamico, dando la colpa ad un raid degli Stati Uniti.

    Il primo ministro iracheno Haider al-Abadi ha annunciato a dicembre 2017 la sconfitta totale dello Stato Islamico. Le forze di sicurezza hanno preso il pieno controllo del confine con la Siria e quasi tutti i territori controllati dai militanti, e la loro "capitale irachena", la città di Mosul è stata liberata a luglio.

    La città ha subito pesanti distruzioni. Secondo le Nazioni Unite, 40.000 case dovranno essere ricostruite e circa 600.000 persone non potranno tornare a casa.

    Il gruppo terroristico dello Stato Islamico è vietato in Russia.

    Correlati:

    ISIS sconfitto a Mosul, ma la "guerra per procura" in Iraq continua
    Lezioni da Mosul: doppi standard, crimini di guerra e mancanza di obiettività
    Abitanti di Mosul hanno bisogno urgentemente di assistenza medica
    Tags:
    Ricostruzione, Ricostruzione, Nazioni Unite, Terroristi DAESH, Mosul, Emirati Arabi Uniti
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik