23:16 16 Agosto 2018
Mustafa, bambino siriano coinvolto nella messinscena chimica a Douma

Rivelati i dettagli della messinscena dell'attacco chimico a Douma da un partecipante

© Sputnik . NOUR MOLHEM
Mondo
URL abbreviato
12282

Mustafa è un bambino di 10 anni che vive nella città siriana di Douma, nella Ghouta orientale.

A lungo si rifiutava di parlare con i giornalisti di Sputnik, in quanto i terroristi di "Jaish al-Islam" negli ultimi anni costantemente dicevano che le persone che vivono nei territori controllati dall'esercito siriano odiano i bambini e vogliono ucciderli. Aveva paura della macchina fotografica, si è fatto fotografare solo da lontano.

Piano piano il bambino si è abituato, ha smesso di avere paura. Ha detto che gli piace studiare, ma la scuola è danneggiata. E poi ha detto: "Non mi ucciderete, se dirò quello che abbiamo fatto qui?". Il bambino ha raccontato che gli islamisti di "Jaish al-Islam" promettevano dolcetti se i bambini avrebbero seguito le loro indicazioni.

"Avevano radunato i bambini vicino all'ospedale e ci hanno detto che avremmo ottenuto biscotti e patatine se tutto fosse andato bene. Alcune persone avevano portato borse grandi, ma non abbiamo capito cosa ci fosse dentro. Ci hanno iniziato ad annaffiare con l'acqua dei rubinetti. Poi alcuni adulti sono arrivati di corsa, prendevano i bambini per portarli vicino l'ospedale. Lì siamo stati fotografati. Dopodichè ci hanno distribuito il cibo promesso ed hanno detto che potevamo giocare, perché ci siamo comportati bene ed abbiamo obbedito".

Mustafa ha chiarito: "Di solito non potevamo andare a scuola e giocare. Dovevamo lavorare. Se vedevano dei bambini giocare, urlavano e li mandavano a casa".

Correlati:

Oggi la Siria, e domani?
Società belghe hanno esportato in Siria sostanze chimiche vietate
Lavrov: Mosca ha le prove dei legami di Londra con gli attacchi con armi chimiche a Duma
Tags:
Politica Internazionale, Armi chimiche, crisi in Siria, Ghouta Orientale, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik