12:01 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 60
Seguici su

Un team di ricercatori dell’Instituto de Ciencias de la Tierra Jaume Almera di Barcelona, la cui sede è a 500 metri dal Camp Nou, ha confermato che ogni gol di Lionel Messi scatena un piccolo terremoto.

In uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, gli autori hanno analizzato vari segnali, tra cui quelli causati dalla reazione dei tifosi durante la partita tra il Barcelona e il Paris Saint-Germain in Champions League.

La maggior parte dei mini-terremoti sono stati registrati dall'istituto catalano durante i principali campionati di calcio. Le vibrazioni aumentano per i gol decisivi.

"Alle partite del Barça di solito partecipano dalle 80 alle 90 mila persone che, quando accade una svolta importante nella partita, si muovono, e questo movimento genera una vibrazione che viene trasmessa attraverso il suolo e viene registrata dalla nostra strumentazione. Possiamo dire che questo è come un terremoto, anche se non lo è", ha spiegato Jordi Díaz, autore dell'articolo e dipendente dell'istituto.

Tuttavia, non solo il calcio "scuote" la capitale catalana. I concerti musicali provocano anche vibrazioni significative. Per esempio il concerto al Camp Nou di Bruce Springsteen del 2016, che per tre ore ha fatto ballare 65 mila spettatori, è stato registrato dai sismografi dell'istituto.

"È piuttosto impressionante… è possibile seguire il ritmo di ogni canzone osservando come l'apparato all'istituto registrava tutti i movimenti", ha detto Diaz.

Secondo lo scienziato questa ricerca ha un lato pratico: i risultati delle osservazioni possono essere utili per gli specialisti responsabili della costruzione di edifici e del loro ulteriore "comportamento".

Correlati:

Lionel Messi festeggerà il suo compleanno nella provincia di Mosca
A Ronaldo il pallone d'oro, Messi si consola con le criptovalute
Mosca, incredibile avventura di Del Piero con la security per incontrare Messi
Tags:
sisma, terremoto, gol, Lionel Messi, Spagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook