11:27 21 Aprile 2018
Roma+ 15°C
Mosca+ 14°C
    La bandiera tedesca

    Steinmeier ha detto che è necessario raggiungere un accordo in Siria

    CC BY-SA 2.0 / Alberto Garcia / Dem Deutschen Volke
    Mondo
    URL abbreviato
    6101

    Senza un miglioramento delle relazioni tra Russia e USA la probabilità di regolamento in Siria è pari a zero, ha detto il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier al giornale BILD.

    "Alla fine, non succede niente, senza vicini regionali non si ottiene niente, niente senza USA e Russia. Le grandi potenze hanno una grande responsabilità. Qui è necessario fare il primo passo, Putin e Trump devono mirare alla pace. Se Washington e Mosca sulla Siria non troveranno il modo per farlo, le probabilità di miglioramento della situazione in Siria sono pari a zero" ha detto Steinmeier.

    Il presidente ha sottolineato che oggi per "la prima volta in sette anni di guerra in Siria c'è una grave minaccia per il confronto diretto tra americani e russi sul suolo siriano". Steinmeier ha aggiunto che si tratta di una "fase successiva dell'escalation nelle relazioni USA-Russia".

    USA, Gran Bretagna e Francia sabato mattina hanno compiuto attacchi missilistici su obiettivi governative siriani, che, secondo loro, sono utilizzati per la produzione di armi chimiche. Dalle 3.42 alle 5.10 hanno rilasciato sulla Siria più di 100 missili, la maggior parte dei quali è stata colpita dalla difesa aerea siriana. Le forze russe non sono state coinvolte, ma hanno monitorato i lanci. Il presidente Vladimir Putin ha definito i colpi un atto di aggressione contro uno stato sovrano, inoltre, né esperti militari russi, né locali hanno confermato l'attacco chimico, che è diventato il pretesto per l'attacco.

    Correlati:

    Bombe sulla Siria, verso un’escalation USA-Russia?
    In Svizzera hanno ritenuto frettolosi gli attacchi aerei sulla Siria
    Erdogan: attacchi USA, Gran Bretagna e Francia in Siria ragionevoli
    Tags:
    Dichiarazione, Bombardamenti in Siria, Frank-Walter Steinmeeir, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik