17:42 17 Luglio 2018
La bandiera britannica

Skripal avvelenato non con la sostanza A234, ha detto il suo sviluppatore

© AP Photo / Alexander Zemlianichenko
Mondo
URL abbreviato
Avvelenamento Skripal (121)
4130

Il rapporto OPAC sull'incidente a Salisbury dice che nell'avvelenamento di Serghei e Yulia Skripal non è stata utilizzata la sostanza A234, ha detto in un'intervista a Sputnik uno degli sviluppatori dei sistemi di armi chimiche Novichok, a cui gli inglesi equiparano la sostanza A234, Leonid Rink.

In precedenza, gli esperti OPAC hanno presentato il loro rapporto. Hanno stabilito che è stata usata una sostanza chimica tossica di elevata purezza. Tale conclusione è stata fatta in base a quello che, in sostanza, è quasi completamente privo di impurità.

"I dati OPAC, che hanno utilizzato una sostanza chimica tossica di elevata purezza, dimostrano che non è stato il Novichok. Se quella sostanza gelatinosa, che gli inglesi hanno trovato sulla maniglia della porta di casa Skripal, fosse stata Novichok, allora non sarebbero riusciti ad allontanarsi dalla porta di 50 metri. Sarebbero stati uccisi subito. Il Novichok è costituito da una miscela di diverse componenti e additivi, che si decompongono. Se hanno trovato una sostanza pura, non è Novichok" dice lo specialista.

Secondo lui, se per l'avvelenamento fosse stato utilizzato il Novichok, gli esperti OPAC avrebbero trovato diverse componenti, che con il tempo si suddividono in componenti atossiche. Ma allora non potevano parlare di attentato con l'applicazione di una sostanza tossica. La dichiarazione OPAC, è sicuro Rink, è in contrasto con le parole di un altro sviluppatore del Novichok, Vil Mirzianov, che vive negli USA, e che l'alta umidità in Gran Bretagna riduce la mortalità della sostanza.

"Una giusta osservazione: il Novichok è una sostanza molto instabile, che dipende dall'acqua, dagli alcali, ma allora, gli esperti dovevano trovare prodotti di idrolisi, e di certo non una sostanza pura" ha sottolineato Rink.

Spray narcotico

Secondo gli esperti, potrebbero aver usato totalmente un'altra sostanza, il fentanil, utilizzato per la produzione nel Regno Unito di sostanze stupefacenti. "Ogni anno in Gran Bretagna muoiono 2,5 mila persone per avvelenamenti da fentanil, è la droga che si usa ora" ha detto Rink. Egli ha ricordato che inizialmente è stato riferito proprio dell'avvelenamento come per una overdose di droga.

Oltre alla droga, ad esempio in Russia, il fentanil è stato utilizzato in precedenza per la produzione di farmaci antidolorifici per l'esercito, e per le agenzie di sicurezza, queste sostanze sono state usate durante l'assalto al teatro Dubrovka.

"Il quadro di Skripal è lo stesso, in particolare il recupero dopo l'avvelenamento. Questo è un tipico avvelenamento da questa sostanza, dopo una pesante situazione gli effetti sono andati nettamente meglio. Io fin dall'inizio ho detto ai media che la sintomatologia era simile all'avvelenamento da fentanil" ha detto il creatore del Novichok. Secondo il suo parere, il veleno poteva essere sulla stessa panchina su cui i loro corpi sono stati trovati. O sulla panchina o è stato spruzzato con uno spray. "Il fentanil colpisce immediatamente e la persona perde i sensi. L'impatto è istantaneo" ha detto Rink.

Guarda negli occhi

Secondo lo sviluppatore, la leggenda della pista russa c'è perché in realtà nessuno ha visto i colpiti dal vivo.

"Gli inglesi dicono che gli Skripal stanno molto rapidamente migliorando, ma non li vede nessuno, nessuno può intervistarli, nessuno può valutare campioni del loro sangue. Questo suggerisce che l'intera situazione è un inganno e l'inganno è scadente" ha detto l'esperto.

Ha spiegato che è scadente perché il Novichok colpisce gli occhi della vittima. E la parte britannica in nessuna delle sue dichiarazioni ha parlato di questo sintomo. "Se gli inglesi avessero parlato di questo sintomo, in qualche modo sarebbe stata verosimile la leggenda" ha detto. Secondo lui, si dovrà attendere la promulgazione della versione completa del rapporto OPAC, perché gli autori non hanno indicato il nome delle sostanze tossiche. "Ai rappresentanti russi sono tenuti a fornire un rapporto completo. Quando lo faranno lo studieremo" ha sottolineato Rink.

Le origine del Novichok

Alla fine di marzo, in un'intervista a Sputnik Rink ha detto che in Unione Sovietica e Russia un programma di armi chimiche chiamato nNovichok non esisteva. Secondo lui, lo sviluppo esisteva, ma non sotto questo nome.

"Quando lo sviluppo di un'arma terminava, si dava un nome. Potevano dare un nome qualsiasi. Tra gli altri c'era il Novichok" ha spiegato lo scienziato. Secondo lui, una singola sostanza chiamata Novichok non esisteva. "E' piuttosto un sistema di codifica", ha concluso Rink.

In Occidente il nome è stato diffuso dallo scienziato emigrato in USA, Vil Mirzianov, che è spesso rappresentato come sviluppatore del Novichok, anche se non è così.

Tema:
Avvelenamento Skripal (121)

Correlati:

Klinchevich ha commentato il possibile trasferimento di Skripal negli USA
Ambasciata russa non sa nulla sulla lettera della nipote di Skripal al premier Theresa May
Ambasciatore russo negli USA: caso Skripal pretesto di una provocazione preparata a lungo
Media: Sergei Skripal si sveglia dal coma, può parlare
Tags:
avvelenamento, Sergei Skripal, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik