18:10 17 Ottobre 2018
La bandiera americana

I militari americani hanno parlato con i russi prima e dopo l'attacco in Siria

CC BY 2.0 / Randy Heinitz / Flag Flying
Mondo
URL abbreviato
13222

I militari USA hanno parlato con la Russia prima e dopo l'attacco in Siria, su base permanente, ha detto il portavoce del Comitato del capo di stato maggiore americano, il generale-tenente Kenneth Mackenzie.

"Come sapete, il meccanismo per la prevenzione dei conflitti è costantemente in esecuzione negli ultimi mesi e continua a funzionare prima e dopo l'attacco su una base costante", ha detto ai giornalisti in un briefing.

Mackenzie ha sottolineato che "non c'è stato coordinamento o un accordo con la Russia" prima dell'attacco.

USA, Gran Bretagna e Francia sabato mattina hanno compiuto attacchi missilistici contro obiettivi governative siriani, che, secondo loro, sono utilizzati per la produzione di armi chimiche. Dalle 3.42 alle 5.10 hanno rilasciato sulla Siria più di 100 missili, la maggior parte dei quali è stata colpita dalla difesa aerea siriana. Le forze russe non sono state coinvolte, ma hanno monitorato i lanci. Il presidente Vladimir Putin ha definito i colpi un atto di aggressione contro uno stato sovrano, inoltre, né esperti militari russi, né locali hanno confermato l'attacco chimico, che è diventato il pretesto per l'attacco.

Correlati:

Critiche nel Senato americano per raid in Siria: “illegittimo e contro Costituzione”
Nel Parlamento russo definiti un crimine di guerra i raid missilistici contro la Siria
Giù le mani dalla Siria!
Russia chiederà riunione d'urgenza del Consiglio di Sicurezza ONU dopo raid in Siria
Tags:
attacchi, attacco aereo, Stato Maggiore, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik