09:26 27 Maggio 2018
Roma+ 21°C
Mosca+ 18°C
    Ministero della Difesa russo

    Ministero Difesa russo: abbattuta metà dei missili da contraerea esercito siriano

    © Sputnik . Natalia Seliverstova
    Mondo
    URL abbreviato
    26954

    La contraerea siriana ha opposto resistenza al bombardamento missilistico, una parte significativa dei missili è stata abbattuta prima di raggiungere gli obiettivi, riferisce il ministero della Difesa della Federazione Russa.

    "La contraerea siriana ha condotto una battaglia antiaerea, una parte significativa dei missili da crociera e dei missili aria-terra sono stati abbattuti mentre si avvicinavano agli obiettivi", si afferma nel comunicato del dicastero militare russo.

    Le armi della contraerea siriana S-125, S-200, Buk e Kvadrat, prodotte più di 30 anni fa nell'URSS, sono state coinvolte nel respingere l'attacco delle forze occidentali, riferisce il ministero della Difesa russo.

    Si osserva che i raid sono stati compiuti da due navi della Marina degli Stati Uniti nel Mar Rosso, dagli aerei tattici nel Mediterraneo, così come dai bombardieri strategici americani B-1B di el-Tanf.

    In precedenza il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si era rivolto alla nazione, in cui annunciava i raid contro la Siria. Successivamente hanno annunciato di unirsi ai raid americani il primo ministro britannico Theresa May e l'Eliseo. Il Ministero della Difesa ha riferito che il 14 aprile dalle 3.42 alle 5.10 gli aerei americani, in collaborazione con le forze aeree di Gran Bretagna e Francia, hanno bombardato le strutture militari e le infrastrutture civili della Siria.

    Più di 100 missili da crociera e missili aria-terra sono stati sparati, ha detto il ministero della Difesa russo.

    Correlati:

    Raid mirati contro la Siria di USA, Francia e Gb. FOTO, VIDEO
    Ministero esteri svedese: difficile evitare intervento militare in Siria
    Tags:
    Difesa antimissile, Politica Internazionale, Difesa, Occidente, Sicurezza, Bombardamenti in Siria, crisi in Siria, Esercito della Siria, ministero della Difesa della Federazione Russa, Gran Bretagna, Francia, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik