16:18 21 Giugno 2018
Fiume

L'Asia centrale è a rischio di inondazioni dell’Amu Darya

© Sputnik . Max Alpert
Mondo
URL abbreviato
0 14

I rappresentanti dei dipartimenti idrici dell'Uzbekistan e dell'Afghanistan hanno discusso la questione della realizzazione di argini lungo il fiume Amu Darya.

L'Amu Darya è il fiume più lungo dell'Asia centrale, la cui sorgente si trova nelle montagne del Pamir. Per circa 1126 km il fiume passa lungo i confini dell'Afghanistan, del Tagikistan, dell'Uzbekistan e del Turkmenistan. Sulle sue rive ci sono 2 grandi porti: Khairatan e Sherkhan, attraverso i quali avvengono le importazioni e le esportazioni.

Tamim Bahadurzai, Direttore del Dipartimento dei progetti di irrigazione del Ministero dell'Energia e dell'economia dell'acqua dell'Afghanistan, ha detto in un'intervista con Sputnik che questo incontro è stato l'inizio della discussione sulla costruzione di argini per evitare il degrado del suolo. Secondo lui, i territori della provincia di Balkh situate vicino al fiume sono ogni anno a rischio di inondazioni:

"Il governo dell'Afghanistan ha deciso di avviare negoziati con i paesi limitrofi per rafforzare gli argini dell'Amu Darya. Se si raggiungerà un accordo, un importante problema tecnico è la questione dei rinforzi su entrambi i lati del fiume, perché se il lavoro sarà effettuato da un lato, poi, naturalmente, l'altro subirà dei danni ".

Durante l'incontro si è discusso le misure adottate dal governo per risolvere il problema delle alluvioni stagionali del fiume: "Negli ultimi anni, il Ministero dell'Energia e dell'Acqua dell'Afghanistan ha adottato una serie di misure, e ha sviluppato un programma che ha impedito le alluvioni".

Sempre durante la riunione è stata discussa la creazione di una commissione congiunta per coordinare gli sforzi per sviluppare misure preventive che proteggano le rive dei fiumi:

"Il lavoro continua. Il governo intende condurre un lavoro completo per rafforzare gli argini sulle rive dell'Amu Darya, che ci potranno salvare dalle inondazioni e dagli straripamenti del fiume ".

Khaji Mohammad Abdah, membro del Parlamento del IRA dalla provincia di Balkh ha detto a Sputnik che durante le piene stagionali l'Amu Darya crea problemi nelle province di Balkh, Jawzjan e Kondoz. Secondo lui tali inondazioni del fiume comportano non solo danni materiali come la distruzione di case e terreni agricoli, ma anche l'allagamento di parte dei territori di queste province. "Periodicamente, la popolazione della provincia di Balkh si appella al governo affinché il governo presti la dovuta attenzione al problema dei terreni allagati" ha detto il deputato.

Abdah ha espresso la speranza che il governo afghano insieme ai paesi vicini risolverà il problema delle inondazioni, rinforzerà gli argini e prenderà misure preventive per proteggere le rive dalla distruzione.

Un membro del parlamento ha definito le alluvioni molto pericolose e ha fornito un esempio delle conseguenze di un cataclisma naturale: "Il centro di Shurtepa, la scuola e la moschea sono finiti sott'acqua. Ora gli allagamenti continuano. Alcuni punti della città portuale di Hairatan sono in serio pericolo".

Secondo lui, la popolazione della provincia di Balkh ha fatto appello ripetutamente al governo con una richiesta di condurre lavori per rafforzare le coste e prevenire le alluvioni, ma finora non è stato fatto nulla.

Correlati:

Combattenti dell'ISIS in Afghanistan provengono in parte da Asia centrale e Russia
Mosca rivela l'importo degli aiuti finanziari all'Asia centrale di 10 anni
E se la Cina estromettesse la Russia dall’Asia Centrale?
Tags:
Alluvione, alluvione, Ministero dell'Ambiente, Asia centrale, Asia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik