19:29 20 Giugno 2018
Aereo spia americano P-8A Poseidon

Avvistati aerei spia USA nei pressi delle basi militari russe in Siria

CC BY-SA 2.0 / aceebee / Boeing P-8A Poseidon
Mondo
URL abbreviato
9257

Sette aerei da guerra americani hanno effettuato una missione di ricognizione nel Mediterraneo orientale a largo delle coste della Siria, non lontano dalla base aerea russa di Hmeymim e dal centro logistico della Marina militare russa a Tartus.

Emerge dai dati di monitoraggio dei voli militari pubblicati sulla pagina Twitter di Mil Radar.

Si tratta di sei velivoli da pattugliamento anti-sommergibile della Marina degli Stati Uniti P-8A Poseidon, decollati dalla base aerea di Sigonella in Sicilia, così come degli aerei da ricognizione elettronica EP-3E Aries II, decollati dalla base sull'isola di Creta.

In precedenza il canale televisivo americano CNBC, citando una fonte a conoscenza della situazione, ha affermato che gli Stati Uniti hanno 8 obiettivi per eventuali bombardamenti in Siria. L'elenco comprende due aeroporti militari, un centro di ricerca e un'impresa che si suppongono legati alla produzione di armi chimiche.

Le tensioni intorno alla Siria sono esplose sullo sfondo di voci su un presunto attacco chimico a Douma. I Paesi occidentali hanno accusato Damasco.

La Russia ha promesso di rispondere in caso di aggressione americana.

Correlati:

Esperto cinese commenta azioni degli Stati Uniti in Siria
Le parole profetiche del capo di Stato Maggiore sull'attacco chimico in Siria
Siria, Casa Bianca: Trump non ha ancora preso decisione su risposta
Siria, Mosca: A Duma iniziato lavoro della polizia militare russa
Sondaggio: gli inglesi non vogliono un conflitto con la Russia per la Siria
Trovati 20 tweet di Trump contro bombardamenti USA in Siria
“Nessun bombardamento in Siria, la guerra avanza solo nei media”
Tags:
Occidente, Geopolitica, Spionaggio, Difesa, Sicurezza, Politica Internazionale, crisi in Siria, Esercito della Siria, Esercito russo, Aviazione, Russia, USA, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik