10:04 24 Maggio 2018
Roma+ 20°C
Mosca+ 21°C
    Mark Zuckerberg

    Mark Zuckerberg: Russia e Cina non hanno hackerato Facebook

    © REUTERS / Aaron P. Bernstein
    Mondo
    URL abbreviato
    0 110

    Il fondatore e CEO di Facebook Mark Zuckerberg, per il secondo giorno di testimonianza al Congresso degli Stati Uniti dopo il caso Cambridge Analytica, ha affermato che Russia e Cina non hanno tentato di accedere ai dati degli utenti.

    Zuckerberg ha riconosciuto la responsabilità personale per l'acquisizione dei dati di 87 milioni di persone da parte di Cambridge Analytica, tra questi ci sarebbero pure i suoi. Riguardo la regolamentazione di internet, Zuckerberg pensa che bisogna farlo con cautela.

    "Credo che sia inevitabile la necessità di alcune regole, ma bisogna fare attenzione", ha detto il fondatore e CEO del colosso social.

    Correlati:

    Mosca esorta Facebook a specificare le accuse contro i media russi
    "Inseguivamo gli hacker russi, ma il colpevole era Facebook"
    Facebook ringrazia l'amministrazione americana per le accuse sul Russiagate
    Tags:
    Hackeraggio, privacy, Cambridge Analytica, Facebook, Mark Zuckerberg, Cina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik