10:06 24 Maggio 2018
Roma+ 20°C
Mosca+ 21°C
    Russia, Usa, Siria

    “Nessun bombardamento in Siria, la guerra avanza solo nei media”

    © Collage : La Voix de la Russie
    Mondo
    URL abbreviato
    18402

    Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto che la Russia dovrebbe prepararsi ad abbattere i missili lanciati contro la Siria. Lo ha scritto oggi sulla sua pagina Twitter.

    "La Russia promette di abbattere tutti i missili lanciati in Siria. Preparati Russia, perché arriveranno buoni, nuovi ed "intelligenti", ha scritto l'inquilino della Casa Bianca.

    L'ex comandante dell'aviazione militare libanese, il generale Mahmud Matar, ha dichiarato a Sputnik che "la crisi attuale è una conseguenza del fatto che molte pedine del conflitto siriano si trovano ora all'angolo: come si dice in Libano sono saliti in cima all'albero e non riescono a scendere. Ora le parti, la Russia e gli Stati Uniti ed i loro alleati, occupano posizioni diametralmente opposte. Penso che la soluzione possa essere raggiunta attraverso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Quindi tutti potranno scendere dal loro albero."

    "Nessuno vuole la Terza Guerra Mondiale, porterà guai a tutti. I piani per possibili soluzioni possono uscire dal Consiglio di Sicurezza. Ad esempio inviare una commissione in Siria per indagare sugli episodi che vedono coinvolte le armi chimiche. Penso che sia un'opzione accettabile."

    "Oggi vediamo costantemente attacchi e contrattacchi che si susseguono. Ciascuna delle parti può utilizzare i missili balistici. Quanto lontano si possono spingere? Le forze terrestri statunitensi sbarcheranno sulla costa siriana? Non lo credo. Gli Stati Uniti ed i loro alleati capiscono che questo è un passo molto serio, a cui seguiranno cambiamenti molto pericolosi", ha detto Mahmud Matar.

    "L'escalation odierna della situazione in Siria si verifica principalmente in ambito mediatico. Si gioca sui nervi. Le vittorie delle forze russe, dell'esercito siriano e dei suoi alleati stanno rovinando i piani di Stati Uniti ed Israele per dividere la Siria. Non credo che qualcosa cambierà radicalmente in Siria. Le truppe russe stanno svolgendo i loro compiti e continueranno a farlo", ha evidenziato il generale libanese Mahmoud Matar.

    L'analista militare libanese, il generale in congedo Hisham Jaber, ha detto a Sputnik che gli Stati Uniti non concretizzeranno il raid missilistico di cui ha parlato il presidente americano Donald Trump. "La Russia funge da deterrente contro questo pericoloso passo. La Russia ha già dichiarato che risponderà ad un possibile attacco. La storia della base aerea di Shayrat* non si ripeterà più."

    "Penso che con dichiarazioni così forti, Trump cerchi di risolvere i problemi interni americani, spostando l'attenzione dei concittadini sulla possibilità di operazioni militari all'estero", ritiene il generale.

    "La Siria ha molti obiettivi per un possibile attacco militare. Penso che gli Stati Uniti possano colpire uno di loro. Occorre chiarire che Trump lo farà solo se se sarà sicuro che non seguirà la dura reazione della Russia, perché questo potrebbe essere l'inizio di una grande guerra. Chi conduce il gioco nella regione è perfettamente al corrente fino a che punto può spingersi e quali conseguenze ci si possano aspettare da ogni passo. Qualsiasi aggressione americana e israeliana avrà gravi conseguenze nella regione.

    Ora in Siria si trovano le truppe russe, che hanno chiaramente indicato la loro posizione. Gli americani vogliono uno scontro con la Russia? Non è mai successo, nemmeno durante la Seconda Guerra Mondiale. Penso che gli americani possano condurre al massimo un piccolo bombardamento in Siria, questo salverà completamente la faccia di Trump in patria".

    *Il 7 aprile 2017 le forze americane hanno colpito con un attacco missilistico la base aerea di Shayrat in risposta ad un presunto attacco chimico nella città siriana di Khan Sheikhun. L'ordine di attacco è stato dato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump. 60 missili da crociera Tomahawk sono stati diretti contro gli aerei e le infrastrutture della base aerea.

    Correlati:

    Cremlino risponde alle dichiarazioni di Trump sull'attacco alla Siria
    Esperti USA indicano i possibili obiettivi di un attacco missilistico in Siria
    Trovati 20 tweet di Trump contro bombardamenti USA in Siria
    Esperto evidenzia fattori che influenzano la politica USA sulla Siria
    La Turchia invita Russia e USA alla moderazione sullo sfondo della situazione in Siria
    Media: Theresa May nega a Trump una campagna militare congiunta in Siria
    Trump consiglia alla Russia di tenersi pronta ad abbattere i missili contro la Siria
    Ambasciatore: la Russia distruggerà i missili USA in caso di nuovo attacco alla Siria
    Tags:
    Geopolitica, Informazione, Guerra, Difesa, Sicurezza, Politica Internazionale, crisi in Siria, USA, Siria, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik