11:48 19 Aprile 2018
Roma+ 17°C
Mosca+ 7°C
    The prehistoric Neanderthal man N, left, is visited for the first time by another reconstruction of a homo neanderthalensis called Wilma, right, at the Neanderthal museum in Mettmann, Germany, Friday, March 20, 2009

    Scienziati svelano funzione delle sopracciglia nei nostri antenati

    © AP Photo / Martin Meissner
    Mondo
    URL abbreviato
    303

    La riduzione evolutiva delle arcate sopracciliari e la maggiore mobilità delle sopracciglia stesse facilitano la comunicazione tra le persone, credono gli archeologi dell'Università di York.

    Nel loro studio, hanno confutato la teoria secondo cui la parte del cranio che sporgeva sopra l'orbita era necessaria per appianare la connessione delle ossa, oltre a ridurre la pressione su di esse durante la masticazione del cibo.

    Secondo degli scienziati canadesi, le arcate sopracciliari pronunciate erano uno dei segni anatomici del sesso. Nel processo di socializzazione e di riduzione dell'aggressività delle persone, sono diminuiti.

    "La dimostrazione di status e segnalazione sociale spiegano in modo convincente le sopracciglia sporgenti dei nostri antenati. La loro trasformazione in una posizione più retta nelle persone moderne ci consente di dimostrare emozioni più amichevoli che aiutano a formare legami sociali tra le persone", afferma uno studio degli scienziati sulla rivista Nature Ecology & Evolution.

    Ad esempio, gli specialisti fanno l'esempio delle protuberanze blu brillante che si trovano nei maschi dominanti di Mantrel (famiglia dei Cercopitecidi) su entrambi i lati del naso. Determinano lo stato dell'animale e la crescita di queste protuberanze è influenzata dagli ormoni. 

    Correlati:

    In Gran Bretagna hanno trovato tracce di un terribile rito primitivo
    L'uomo di Neanderthal aveva buone conoscenze mediche
    Scienza, l’eredità dell’Uomo di Neanderthal sono l’artrite e la schizofrenia
    Tags:
    Scienza e Tecnica, scienza, scienza, Università, Mondo
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik