11:46 21 Aprile 2018
Roma+ 15°C
Mosca+ 14°C
    La cittadina di Plyos

    Dal Mediterraneo al Volga, la cultura unisce Italia e Russia

    © Sputnik . Varvara Gert'e
    Mondo
    URL abbreviato
    1180

    I capolavori dell'Opera italiana arrivano nella provincia russa, precisamente a Plyos, città sulle rive del Volga gemellata con Venezia e Sorrento dove amava trascorrere il suo tempo libero il grande cantante Fyodor Shaliapin.

    La prossima edizione del festival di musica lirica a lui dedicato, in programma il 30 giugno, vedrà la partecipazione di tenori italiani. I dettagli (parziali) sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa organizzata dall'Ambasciata Italiana a Mosca, che ha ufficialmente aperto l'anno dell'Italia a Plyos

    "Il programma al momento è ancora top-secret, ma posso assicurarvi che si tratta di un concerto eccezionale in cui ascolteremo i capolavori più amati dell'Opera italiana, interpretate da stelle di caratura mondiale" — ha detto Inga Karimova, presidente del Festival Shaliapin 2018.

    Quello di Plyos, piccolo centro della Russia "vera", dove la natura si sposa la dimensione rurale e semplice della vita, così lontana dallo stress delle grandi città, è un vivido esempio di come la cultura possa trasformarsi in veicolo di promozione del territorio, anche sulla scena internazionale.  A Plyos ogni anno vengono organizzati diversi festival, per tutti i gusti: il Festival della Pasqua moscovita (aprile), il Festival di Shalyapin (maggio-giugno), il Festival internazionale cinematografico in onore di Andrey Tarkovskij "Lo specchio" (giugno), il Festival dello sport (luglio), il Festival della moda "Plyos sul Volga. Tavolozza di lino"(luglio), il Festival dell'animazione (agosto).

    A questo ricco carnet di proposte ora si aggiunge l'Italia. Nel novembre 2017 Plyos ha stretto un patto di amicizia permanente con Venezia, a cui è seguito nello scorso mese di febbraio 2018, un analogo patto con la città di Sorrento.

    Dalle acque del Mediterraneo quindi a quelle del fiume Volga scorre l'amicizia fra i popoli italiano e russo, come sottolineato a Sputnik Italia dall'ambasciatore d'Italia in Russia Pasquale Terracciano:

    "Mosca è la capitale della Russia, ma non è tutta la Russia. Questo è il paese più grande del mondo e come l'Italia è bella in tutti i suoi angoli, anche la Russia è ricca di luoghi magnifici da scoprire. La cultura è un veicolo molto importante nello sviluppo dei rapporti politici che economici perchè attraverso la cultura si creano ponti e nuove iniziative economiche soprattutto nelle sfere del turismo e dei servizi.               Tutto questo per noi è molto importante, anche nell'ottica di favorire, come da programma dell'Unione Europea, lo sviluppo dei contatti people to people. Iniziative di questo genere, come l'anno dell'Italia a Plyos e i rapporti con Venezia e Sorrento vanno in questa direzione."

    Plyos è una cittadina situata sulla riva destra del fiume Volga, nella regione di Ivanovo. Venne fondata nel 1410, quando fu costruita una fortezza  sul  Volga. Oggi conta circa 2000 abitanti e deve la sua fama anche alle personalità russe che a cavallo tra il XIX e il XX secolo, l'hanno eletta a luogo prediletto di villeggiatura. Tra questi ci sono il grande paesaggista russo Isaac Levitan, che alla cittadina ha dedicato una delle sue tele più famose, "L'oro di Plyos" ed il basso Fedor Shalyapin, che nel 1912 costruì la sua dacia proprio a Plyos.

    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik