15:34 26 Aprile 2018
Roma+ 24°C
Mosca+ 11°C
    Mare di Barents

    Scienziati: la leggendaria pietra del Sole dei vichinghi funziona davvero

    © Sputnik . Valery Melnikov
    Mondo
    URL abbreviato
    3160

    Gli scienziati americani hanno scoperto che la mistica pietra del Sole (Solstenen) delle antiche leggende, è utilizzabile per la navigazione marina.

    Quando i vichinghi sono andati in Groenlandia alla fine del X secolo, non avevano la bussola. In Europa, è apparsa solo alla fine del XVI secolo. Ma come hanno affrontato 1600 miglia nautiche, senza sbagliare direzione in tre o più settimane di viaggio? Ed era anche necessario arrivare in un certo punto dell'isola.

    L'archeologo Gabor Horvath dice:

    "Le leggende dei vichinghi (le cosiddette saghe) raccontano di un misterioso strumento — la pietra del sole, — con l'aiuto di essa hanno potuto determinare la posizione del Sole, con nuvole o nebbia".

    Ad esempio, nella Saga di re Olaf, (re di Norvegia dal 955 al 1030) c' è la storia di come una notte, mentre tornava a casa, il re in sogno vede la pietra del sole.

    "Il re costrinse la gente a guardare e ma loro non riuscivano vedere il cielo. Chiese a Sigudir di dire, dove in quel momento si trovava il sole. Diede una chiara direzione. Poi il re ordinò di portargli la pietra del sole, la sollevò e vide, dove la luce veniva emessa dalla pietra, e in questo modo vagliò la profezia".

    La descrizione ricorda una sorta di racconto, nel 1948, è stata trovata una vera  copia del disco di Uunartok. Combinata alla pietra del Sole (Solstenen), secondo le leggende, era il principale dispositivo di navigazione.

    Gli scienziati, dopo aver analizzato i testi esistenti delle leggende e i reperti rinvenuti, hanno capito che questo speciale orologio solare che segnava le ore con la luce, aveva un filo che corrispondeva ai cambiamenti dell'ombra della meridiana. Questo a sua volta dipendeva dall'equinozio e solstizio di primavera e estate. Rispettando i giusti luoghi e tempi, cioè 61esima latitudine nord da maggio a settembre, l'errore era di soli quattro gradi. Resta inteso che i vichinghi andavano in Groenlandia in estate.Per il funzionamento dell'unità era necessaria la pietra del Sole. L'archeologo T. Ramskoy, della Danimarca, nel 1969 ha suggerito che si trattava di un cristallo naturale, attraverso cui passava la luce.

    Ricordiamo che la luce, passando attraverso il cristallo, si divide in due fasci con diversa polarizzazione. Di conseguenza, la luminosità apparente delle immagini dipende dalla polarizzazione della sorgente di luce. I vichinghi hanno capito con quale regolarità e senza intoppi cambiare la posizione del cristallo, mentre le immagini non ricevevano la stessa luminosità. Questo metodo è efficace anche in caso di nebbia. I risultati della ricerca sono stati pubblicati nel 2011.

    Le idee descritte sono solo ipotesi. La distanza è molto grande, ma è possibile raggiungere la Groenlandia con l'aiuto di questi dispositivi?

    Un nuovo studio ha provato che è vero. L'esperto ha usato un modello computerizzato del viaggio in mare dal porto di Bergen (Norvegia) al villaggio Hvart, sulla costa meridionale della Groenlandia. Le navi virtuali hanno iniziato la loro navigazione nel periodo dell'equinozio di primavera o solstizio d'estate. Le nuvole erano casuali.

    Il programma ha simulato l'utilizzo di cristalli di calcite, cordierite, tormalina e acquamarina, considerando i parametri reali di questi minerali, con un certo anticipo frequenza. Il viaggio era considerato un successo, se la nave arrivava abbastanza vicino alle montagne della costa della Groenlandia nel posto giusto. Quando il programma cambiava direzione ogni tre ore, il 92% delle navi ha compiuto la sua missione. Tuttavia, se la direzione veniva verificata ogni quattro ore, il successo di navigazione calava drasticamente: fino al luogo di arrivo giungevano due terzi delle navi. L'esperto, commentando i risultati, chiarisce: "non so se i vichinghi hanno usato questo metodo. Tuttavia, se è davvero così, allora si orientavano esattamente".

    Correlati:

    Sul Sole si è formata una protuberanza di mezzo milione di chilometri
    Gli scienziati hanno predetto l'imminente attenuazione del Sole
    La NASA raccoglie i nomi di chi vorrebbe volare verso il Sole
    Tags:
    Scoperta, scoperta, Groenlandia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik