15:10 26 Aprile 2018
Roma+ 24°C
Mosca+ 11°C
    Antonio Tajani acknowledges applauses after being elected European Parliament President at the European Parliament in Strasbourg, in Strasbourg, eastern France, Tuesday, Jan. 17, 2017

    Parlamento europeo condanna l'escalation del conflitto in Siria

    © AP Photo / Jean-Francois Badias
    Mondo
    URL abbreviato
    15122

    Il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani ha denunciato la situazione in Siria e ha invitato la comunità internazionale immediatamente a far sedere le parti in conflitto al tavolo dei negoziati.

    "Gli eventi accaduti nelle ultime ore in Siria, meritano piena condanna. Per il bene dell'umanità esorto la comunità internazionale a portare subito le parti in conflitto al tavolo dei negoziati", ha scritto Tajani su Twitter.

    In precedenza l'agenzia siriana nazionale Sana, citando il suo collaboratore, ha riferito che la base aerea siriana T-4 è stata attaccata da missili, non è escluso che l'oggetto è stato attaccato dalle forze USA. Il canale televisivo libanese Al-Majadin a sua volta, ha riferito di un missile in volo attraverso lo spazio aereo del Libano dal Mediterraneo. Come ha scritto l'agenzia Sana, citando una fonte militare, a seguito dell'attacco missilistico sono morte delle persone e alcune sono rimaste ferite.

    Una fonte vicina all'amministrazione USA ha riferito a Sputnik che attualmente gli USA non compiono operazioni militari contro la Siria. I militari israeliani hanno rifiutato di commentare l'attacco missilistico alla base siriana, che Israele ha bombardato in precedenza.

    Correlati:

    USA ritengono responsabili la Russia per il possibile uso di armi chimiche in Siria
    Militari russi in Siria reagiscono alle accuse americane
    Ministero degli Esteri russo: conseguenze di un intervento militare illegale in Siria
    Siria, Trump e Macron si scambiano dati che confermano attacco chimico a Duma
    Tags:
    Condanna, Parlamento Europeo, Antonio Tajani, Europa
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik