09:53 17 Novembre 2018
Benjamin Netanyahu

Israele annulla accordo con ONU su trasferimento immigrati africani

© AP Photo / Tsafrir Abayov
Mondo
URL abbreviato
804

Il Premier d’Israele, Benjamin Netanyahu, ha comunicato che annullerà l’iniziativa in precedenza presa che prevedeva la legalizzazione della presenza nel paese di 1000 immigrati africani ricollocati dai paesi occidentali.

All'incontro con gli abitanti di Tel Aviv meridionale, scontenti per la presenza nei loro quartieri di rifugiati da Sudan ed Eritrea, il capo del governo ha promsso di continuare la ricerca di alternative per risolvere il problema.

"Nelle ultime 24 ore mi sono consultato con il Ministro degli interni Aryeh Deri, con rappresentanti delle imprese e delegati degli abitanti di Tel Aviv meridionale… Ho deciso dunque di annullare l'accordo valutando i suoi vantaggi e svantaggi" cita le parole di Netanyahu il servizio stampa.

"Continueremo a cercare soluzioni aggiuntive" ha aggiunto.

Il progetto annullato era stato sviluppato in collaborazione con l'Agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite. Prevedeva il trasferimento di circa 16.000 africani in paesi sviluppati, come il Canada, la Germania o l'Italia. Le autorità israeliane avrebbero legalizzato la presenza di circa lo stesso numero di migranti con una distribuzione uniforme in tutto il paese e di assistenza per il lavoro.

L'iniziativa era di sostituire il progetto precedente sul trasferimento forzato di africani in Ruanda, che, come Netanyahu aveva spiegato prima, non aveva accettato.

Correlati:

Netanyahu risponde ad accuse di Erdogan di condurre “politica del terrore”
Netanyahu elogia i militari dopo gli scontri al confine con la Striscia di Gaza
Netanyahu indignato per dichiarazione su coinvolgimento degli ebrei nell'Olocausto
Netanyahu è un moderato. Vedrete che gli succederà...
Tags:
Immigrazione, Immigrati, immigrazione, ONU, Benjamin Netanyahu, Israele
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik