07:17 25 Maggio 2018
Roma+ 15°C
Mosca+ 13°C
    Gerhard Schroeder e Vladimir Putin

    Germania, striscione allo stadio esorta alle sanzioni contro la Russia

    © Sputnik . Sergey Guneev
    Mondo
    URL abbreviato
    14139

    L’Hannover 96 prende le distanze dai suoi tifosi difendendo il presidente del consiglio di sorveglianza della squadra, l'ex cancelliere tedesco Gerhard Schröder, contro cui è stato esposto uno striscione che esortava a introdurre sanzioni contro la Russia e “i suoi complici”. Lo riporta il Bild.

    La dirigenza del club sportivo ha da tempo imposto il divieto di esporre striscioni offensivi sugli spalti. Tuttavia i tifosi continuano a farlo e adesso il contenuto è diventato anche politico.

    Prima della partita con il Leipzig di ieri allo stadio di Hannover sono stati sequestrati oltre 40 striscioni, tra cui uno rivolto contro l'ex cancelliere tedesco Gerhard Schroeder, presidente del consiglio di sorveglianza della squadra, che recitava: "Introdurre sanzioni contro la Russia e i suoi complici".

    La pubblicazione ha notato che sono le stesse parole usate in precedenza dal ministro degli Esteri dell'Ucraina, Pavel Klimkin, esortando ad imporre sanzioni, non solo contro il presidente russo Vladimir Putin, ma anche contro "il suo amico intimo Schroeder".

    "È importante che le sanzioni vengano introdotte non solo contro le compagnie statali russe e i membri del governo russo, ma anche contro coloro che promuovono i progetti di Putin all'estero. Gerhard Schroeder è il principale lobbista di Putin in tutto il mondo", ha affermato Klimkin.

    Il portavoce dell'Hannover 96 ha commentato l'accaduto dicendo che lo stadio "non è una piattaforma per dichiarazioni politiche. Qui c'è posto solo per il calcio".

    Correlati:

    Germania, ministro Esteri: espulsione diplomatici russi è segnale di unità in UE
    Naftogaz commenta la decisione della Germania sul Nord Stream 2
    Politico polacco: se USA e Germania parlano con Putin, allora possiamo farlo pure noi
    Tags:
    stadio, calcio, Sanzioni, Gerhard Schröder, Germania, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik