21:38 18 Settembre 2018
L'attentato terroristico dell'11 settembre a New York

USA: Arabia Saudita non può respingere cause legali per attentato dell'11 settembre

© AP Photo / Diane Bondareff
Mondo
URL abbreviato
692

Il tribunale di New York ha rifiutato ai rappresentanti dell'Arabia Saudita la possibilità di respingere le cause legali di parenti dei parenti delle vittime degli attacchi dell'11 settembre, riferisce Middle East Eye.

Come specifica l'edizione, la decisione è stata accettata sulla base della legge americana "Giustizia contro gli sponsor del terrorismo" (JASTA) dal 2016. Prevede l'annullamento dell'immunità sovrana, consentendo alle famiglie delle vittime di fare cause contro governi stranieri.

I parenti delle vittime nelle loro dichiarazioni indicano che la maggior parte dei terroristi che hanno commesso l'attacco l'11 settembre erano cittadini sauditi, e che le autorità del regno hanno fornito loro "aiuto e assistenza".

Gli attacchi dell'11 settembre 2001 sono stati commessi dai membri del gruppo Al-Qaeda a New York, Washington e in Pennsylvania. Di conseguenza, circa tremila persone morirono. Le autorità dell'Arabia Saudita negano il loro coinvolgimento nei crimini e si oppongono alla relativa legge statunitense contro di loro.

 

Correlati:

L'Arabia Saudita dice sì alla carriera militare per le donne
Russia: al via accordo con Arabia Saudita su gas naturale liquefatto
Russia discute con l'Arabia Saudita le consegne di pannelli solari
Gli “scheletri nell’armadio di USA e Arabia Saudita rivelati dall’ex primo ministro Qatar
Tags:
Terrorismo, causa legale, Causa, terrorismo, terrorismo, tribunale, Arabia Saudita, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik