00:15 23 Aprile 2018
Roma+ 16°C
Mosca+ 1°C
    Dopo un bombardamento a Sirte, Libia

    Aviazone USA: attacco aereo nel sud della Libia

    © AP Photo / Manu Brabo
    Mondo
    URL abbreviato
    6215

    Gli USA hanno attaccato sabato la città Ubari nel Sahara, nel sud-ovest della Libia, per eliminare due terroristi, ha riferito a Sputnik il portavoce del comando africano delle forze armate USA (AFRICOM).

    "In coordinamento con il governo libico di consenso nazionale, le forze USA hanno condotto un attacco aereo vicino ad Ubari il 24 marzo, uccidendo due terroristi" ha riferito il comando. L'AFRICOM ha sottolineato che attualmente non hanno dati sulla morte di civili per l'attacco.

    "Gli USA non abbandoneranno la loro missione per l'eliminazione e distruzione delle organizzazioni terroristiche e per la stabilità nella regione. Siamo impegnati a mantenere la pressione sulla rete terroristica e impedirne la fuga", ha detto il portavoce del dipartimento.

    Dopo la caduta e l'uccisione nel 2011 del leader del paese Muammar Gheddafi, la Libia sta attraversando un periodo di crisi acuta. Nel paese c'è un doppio potere: a est nella città di Tobruk si riunisce il Parlamento eletto, e a ovest nella capitale Tripoli agisce il Governo di consenso nazionale, formato con il sostegno delle Nazioni Unite e dell'UE.

    Questo doppio potere e il crollo del sistema di sicurezza in Libia dopo la caduta di Gheddafi hanno portato ad un aumento dell'attività delle fazioni armate di ribelli e delle organizzazioni terroristiche. A causa della mancanza di potere centralizzato e unificato dell'esercito, la Libia si è trasformata in un centro di contrabbando, ma anche un punto di trasbordo dei migranti dall'Africa all'Europa.

    Correlati:

    Uomo d'affari francese: come riceveva i soldi dalla Libia Sarkozy
    "Le organizzazioni internazionali non aiutano la Libia con i migranti"
    Piano B, cacciare Gheddafi: i legami con l’occidente della Libia
    Tags:
    attacco, Aviazione, Libia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik