20:22 22 Aprile 2018
Roma+ 20°C
Mosca+ 3°C
    Bandiera Unione Europea

    Venti paesi europei vogliono espellere diplomatici russi

    CC BY-SA 2.0 / MPD01605 / EU Flagga
    Mondo
    URL abbreviato
    39191

    Venti paesi europei si preparano ad espellere diplomatici russi a causa dell'avvelenamento della spia britannica Sergei Skripal e sua figlia Yulia, secondo l'Occidente è coinvolta Mosca, scrive il quotidiano britannico The Times.

    Secondo il giornale, "questa espulsione senza precedenti" inizierà lunedì, il 26 marzo si prevede di revocare per quattro settimane l'ambasciatore dell'UE in Russia Marcus Ederer, come annunciato ieri. Il giornale fa riferimento ad una fonte anonima, che ha riferito di "una serie di espulsioni coordinate", a cui possono partecipare Francia, Germania, Polonia, Irlanda, Paesi Bassi, Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Lettonia e Lituania.

    I leader dei paesi dell'Unione Europea al vertice del 22 marzo hanno approvato una dichiarazione comune sull'accaduto a Salisbury, specificando che sono d'accordo con Londra, è "altamente probabile" la responsabilità di Mosca e rimane l'assenza di "un'altra spiegazione plausibile". Inoltre, nel corso del Consiglio Europeo si è deciso di richiamare per consultazioni l'ambasciatore dell'UE in Russia. La Russia smentisce categoricamente le accuse da parte di Londra.

    A causa dell'incidente a Salisbury la premier Theresa May ha annunciato una serie di misure contro Mosca, tra cui l'espulsione di 23 diplomatici russi e il congelamento di tutti i contatti bilaterali ad alto livello. Il ministero degli Esteri russo il 17 marzo ha annunciato misure di risposta nei confronti del Regno Unito: persona non grata sono diventati 23 diplomatici dell'ambasciata della Gran Bretagna.

    Il presidente Vladimir Putin ha detto che le accuse contro di Mosca sono sciocchezze, nessuno si sarebbe mai permesso questo, prima delle elezioni presidenziali e del campionato del mondo di calcio. Il capo dello stato ha sottolineato che la Russia non ha armi chimiche, le ha distrutte sotto il controllo degli osservatori internazionali nel 2017. Anche lui ha dichiarato la disponibilità di Mosca a collaborare nelle indagini del caso Skripal, ma per questo serve un interesse da parte di Londra.

    Correlati:

    Caso Skripal, Peskov: la Russia continuerà a difendere i suoi interessi
    Segretario della NATO esorta la Russia a dare risposte sul caso Skripal
    Skripal, Lavrov: Londra sta minando relazioni con noi
    Tags:
    espulsione, Unione Europea, Gran Bretagna
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik