13:35 22 Ottobre 2018
Militari della Russia e Siria vicino a un camion del convoglio umanitario russo

La presenza della Russia in Siria è vasta e completamente legale

© AP Photo / Hassan Ammar
Mondo
URL abbreviato
3370

La vittoria del governo siriano nella guerra contro il terrorismo è conseguenza della resistenza del popolo e dell'esercito, così come del prezioso sostegno da parte della Russia. Lo ha dichiarato a Sputnik il giornalista siriano Fady Marouf, corrispondente dalla Siria dell'agenzia cubana Prensa Latina.

"La presenza della Russia nel mio paese è enorme", ha detto Marouf, arrivato a L'Avana per ricevere la medaglia Félix Elmuza, il premio più prestigioso dell'Unione cubana dei giornalisti, in riconoscimento del suo contributo alla diffusione di informazioni veritiere sulla situazione siriana.

Marouf ha detto che "la Siria e la Russia hanno sempre mantenuto un buon rapporto. I russi hanno contribuito all'organizzazione, alla formazione e all'armamento dell'esercito siriano". Egli ha aggiunto che "la Russia è presente in Siria legalmente, a differenza di altri paesi come gli Stati Uniti o la Turchia che non rispettano sovranità dello stato".

Il giornalista ha ricordato che la Russia ha costruito due basi in Siria per meglio appoggiare le autorità di Damasco, una per l'aviazione a Hmeymim e l'altra per la marina a Tartus. Queste basi sono completamente integrate nel territorio, così come il personale ivi stanziato con la popolazione locale.

"A differenza dei soldati americani in Iraq… i soldati russi ad Aleppo e Damasco sono spesso fotografati con i siriani e i degli uni frequentano quelli degli altri. Accettiamo bene la presenza militare e umanitaria della Russia", assicura il giornalista.

Secondo Marouf, oggi il popolo della Siria è molto più ottimista di quanto non lo fosse quattro o cinque anni fa, quando la situazione era poco chiara.

"Oggi il popolo siriano sa che il periodo peggiore è finito. Il piano di rovesciare il governo è fallito", ha spiegato.

Marouf nota anche che il popolo siriano si è lasciato alle spalle un'epoca di sconfitte.

"Oggi,l'esercito siriano sta vincendo. La vittoria suscita nella gente ottimismo, sentono il miglioramento della situazione… Tutto questo grazie agli amici e alleati della Siria, in particolare la Russia, l'Iran, il movimento di resistenza libanese Hezbollah. Grazie al Venezuela, Cuba, Cina e altri paesi che hanno sempre sostenuto la Siria nell'arena internazionale e alle Nazioni Unite", crede il giornalista.

Parlando di Sputnik, Marouf ne ha elogiato l'obiettività e la professionalità nel coprire gli eventi in Siria.

"Quando cerco notizie dalla Siria, mi rivolgo principalmente a tre agenzie: Prensa Latina, Sputnik e RT. Ma Sputnik ha più canali di accesso alle fonti siriane… Sputnik si è trasformata in una delle più importanti, se non addirittura la più importante, fonte di notizie sulla Siria… è una valida alternativa ai media di tutto il mondo", ha concluso il giornalista.

 

Correlati:

Siria, Lavrov: inaccettabili minacce Usa di attacchi unilaterali
Siria, Mosca: più di 13 mila profughi hanno lasciato il Ghouta
Lanciato nel 2013 dagli USA lo spettacolo delle armi chimiche in Siria
Tags:
relazioni bilaterali, Cooperazione, Opinione, Russia, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik