05:32 24 Settembre 2018
FSB

Russia, arrestati membri di una cellula dormiente dell'ISIS nella regione di Kaluga

© Sputnik . Igor Zarembo
Mondo
URL abbreviato
1111

Gli agente dell'FSB, le forze di sicurezza russe, hanno arrestato quattro membri di una "cellula dormiente" dell'ISIS nella regione di Kaluga.

I membri della cellula terroristica sono originari nel distretto autonomo di Yamalo-Nenets, Estremo Oriente russo.

Il gruppo era diretto da un emissario che era stato addestrato in Siria. Era giunto in Russia per organizzare attacchi terroristici.

L'identità degli arrestati non è stata ancora rivelata. Non è chiaro dal comunicato se lo stesso emissario dell'ISIS sia stato catturato dalle forze di sicurezza. L'indagine sulla cellula continua, sottolinea l'FSB.

La creazione di "cellule dormienti", che spesso non entrano in contatto diretto il reclutatore, è recentemente diventata un modo di operare frequente del terrorismo internazionale. Come osservato nel Comitato Nazionale Antiterrorismo (NAK), i terroristi utilizzano attivamente i social network e per reclutare aspiranti terroristi vengono usate persone altamente preparate.

Tutto inizia con una chiaccherata su argomenti comuni nei social network, hanno chiarito al NAK. Poi si passa a questioni religiose, i giovani entrano in chat di gruppi chiusi con un alto livello di protezione crittografica. Qui avviene l'effettivo reclutamento.

Dopodichè i reclutatori decidono dove usare il nuovo adepto: se deve partire all'estero, restare sul posto e aspettare istruzioni, diventare un terrorista solitario o unirsi ad un gruppo.

Secondo i dati dei servizi segreti, l'anno scorso sono stati sventati 25 attentati terroristici in Russia.

Correlati:

FSB parla dei movimenti dei jihadisti dopo la sconfitta in Siria e Iraq
Blitz dell'FSB, sgominata banda di terroristi
Servizi segreti russi sventano attacco terroristico nella regione di Saratov
Tags:
Terrorismo, FSB, Comitato nazionale antiterrorismo - NAK, Daesh, Siria, Estremo Oriente, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik