17:28 21 Aprile 2018
Roma+ 24°C
Mosca+ 20°C
    Casa Bianca, Washington, USA

    Negli USA non si sa chi è responsabile per contrastare gli attacchi informatici russi

    © AP Photo / Andrew Harnik
    Mondo
    URL abbreviato
    414

    Nonostante i ripetuti avvertimenti che la Russia sta cercando di interferire nelle elezioni di medio termine negli USA, è sempre meno chiaro chi sia il responsabile del contrasto degli attacchi informatici e se possono essere contrastati con successo. Lo riferisce la CNBC.

    Parlando davanti ai membri del Congresso, il comandante in capo delle forze USA in Europa, il generale Curtis Scaparrotti, ha notato che gli Stati Uniti non hanno "alcuna idea delle infrastrutture informatiche russe né un approccio efficace alla lotta contro le minacce informatiche russe".

    Questi commenti, come nota la CNBC, sono stati fatti da Scaparrotti dopo che diversi ufficiali militari e funzionari dell'intelligence hanno detto che Donald Trump non aveva ancora dato loro istruzioni sulla lotta contro gli attacchi informatici provenienti dalla Russia.

    Il comandante del US Cyber ​​Command e direttore dell'NSA Mike Rogers ha detto che gli Stati Uniti non hanno preso una decisione definitiva sulla lotta contro le continue interferenze russe.

    Anche Dan Coates, direttore dell'intelligence statunitense ha ammesso che al momento non sono state determinate misure per arginare l'interferenza russa.

    "Sappiamo che al momento la Russia sta interferendo con la nostra prossima campagna elettorale del 2018. La Casa Bianca o l'amministrazione Trump non ci ha dato alcun ordine per contrastare questo? No, non lo direi", ha dichiarato Coates.

     

    Correlati:

    USA, media: indagine su interferenza russa costerà decine di milioni di dollari
    Il Messico sarà la prossima vittima dell’interferenza russa
    Spagna, socialisti chiedono spiegazioni al governo su interferenza russa in Catalogna
    Tags:
    Attacchi informatici, Sicurezza, interferenza, Russia, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik