02:49 25 Aprile 2018
Roma+ 14°C
Mosca+ 9°C

    Esperti mettono in guardia dal possibile rischio di una nuova epidemia di peste

    © AFP 2018 / Rijasolo
    Mondo
    URL abbreviato
    437

    E' noto che epidemie di peste si verificano periodicamente in 36 Paesi in tutto il mondo. Uno dei più grandi misteri che circondano la peste è come e dove questa malattia riesce a sopravvivere tra le varie epidemie.

    Come molti altri agenti patogeni, i batteri Yersinia pestis, che provocano la peste, non possono sopravvivere a lungo senza la protezione dell'ambiente. Nonostante ciò, le epidemie della peste si ripetono costantemente in molti luoghi. Questo indica la capacità dei batteri di trovare rifugio e sopravvivere nei periodi tra i focolai prima di iniziare un nuovo ciclo di infezione. Per prevenire in futuro le epidemie, è estremamente importante capire dove si nascondono i batteri e come riescono a sopravvivere.

    Un recente studio condotto nel centro di malattie infettive dell'università del Colorado dimostra che l'ameba, microrganismo terrestre e acquatico che si nutre di batteri, può ricoprire un ruolo protettivo per questo pericoloso agente patogeno tra i vari cicli di epidemia. La loro interrelazione, forse, aiuta i batteri della peste ad aspettare le condizioni idonee per lo sviluppo.

    Correlati:

    USA: registrato un focolaio di peste
    Tags:
    Salute, Medicina, Scienza e Tecnica
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik