01:20 24 Aprile 2018
Roma+ 17°C
Mosca+ 0°C
    Cremlino

    Russia, senatore commenta l’estensione delle sanzioni USA contro Mosca

    © Sputnik . Natalia Seliverstova
    Mondo
    URL abbreviato
    9372

    Sergei Tsekov, membro della Commissione parlamentare per gli affari esteri, in un'intervista a RT ha commentato la decisione del presidente americano Donald Trump di estendere le sanzioni contro la Russia.

    "Come dimostra l'esperienza del nostro lavoro congiunto con gli americani, anche se saranno sodisfatti tutti i requisiti le sanzioni non saranno rimosse. Mi sembra che il motivo principale sia la russofobia di cui è affetta l'élite politica americana. Vedono la Russia come il rivale numero uno nelle loro rivendicazioni sul dominio del mondo. E legano soprattutto alla Russia la loro perdita di influenza nei processi internazionali", ha detto Tsekov.

    Egli crede inoltre che la politica americana delle sanzioni non è legata soltanto all'Ucraina.

    "Hanno creato la situazione in Ucraina… con un unico obiettivo: indebolire la Russia e rafforzare la loro posizione. Credono che più è debole il nostro paese, più forti sono loro. Gli Stati Uniti non sono sintonizzati su un mondo multipolare per dialogare. Essi agiscono come da imperialisti… imponendo la propria volontà sulla stragrande maggioranza dei paesi del mondo e scatenando guerre… la politica delle sanzioni non porta da nessuna parte", ha concluso il senatore.

    Correlati:

    Giorgia Meloni: eliminare sanzioni alla Russia una priorità
    Gli autori delle sanzioni sparano alle gambe del business USA
    Esperto tedesco: Mosca non si muove, si può permettere di affrontare le sanzioni
    Tags:
    commento, Sanzioni, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik