16:53 23 Ottobre 2018
Caschi Bianchi in Siria

Caschi Bianchi potrebbero preparare provocazioni con armi chimiche in Goutha orientale

© AFP 2018 / Omar haj kadour
Mondo
URL abbreviato
5123

Il gruppo dei cosiddetti Caschi Bianchi si trova in Goutha orientale e stanno preparando provocazioni con l'uso di armi chimiche, ha detto a RIA Novosti il capo della rete siriana per i diritti umani (sede a Damasco), Ahmad Kazem.

Venerdì, il capo del Centro per la riconciliazione dei partiti in guerra in Siria, il generale Yury Yevtushenko, ha annunciato la prossima provocazione con armi chimiche in Gutha orientale. Secondo la Il Centro russo per la riconciliazione siriana, i gruppi terroristici "Jebhat an Nusra", "Ahrar ash Sham" e "Failak ar-Rahman" stanno preparando provocazioni.  

"Sono davvero pronti ad usare armi chimiche in Goutha orientale. Per ora non abbiamo trovato nessun video di conferma. Ma abbiamo delle informazioni che indicano che un crimine è in preparazione. Secondo le nostre fonti i militanti raccolgono anche vecchi video in cui venivano usate armi chimiche a Barz, Aleppo e nella maggior parte della Goutha, ed è probabile che li useranno in una nuova provocazione per ulteriori accuse all'esercito siriano e alla Russia… Siamo stati informati che il gruppo di lavoro dei Caschi Bianchi si trova a Goutha con un certo compito ", ha detto Kazem.

Secondo l'attivista per i diritti umani, i militanti nei sobborghi di Damasco hanno ricevuto specifiche istruzioni dall'estero volte a contrastare qualsiasi iniziativa di pace che la Russia sta cercando di attuare.

"Stanno usando le persone come scudi umani, e questo è un momento pericoloso, ora vogliono fare qualcosa per interrompere il processo di pace e per screditare la Russia, fautrice di quest'ultimo… Sono state date specifiche istruzioni dall'estero per contrastare l'iniziativa della Russia", ha detto la fonte.

Dall'inizio dell'entrata in vigore della risoluzione ONU sulla Siria sul cessate il fuoco, nessun civile in Goutha orientale è stato in grado di lasciare il territorio sotto il controllo dei terroristi. I militanti sparano costantemente sul corridoio umanitario destinato al rilascio di civili nel momento stabilito della "pausa umanitaria" dalle 9.00 alle 14.00, ora di Damasco.

La parte siriana, insieme con gli ufficiali del Centro di riconciliazione e la polizia militare russa, hanno fornito tutte le condizioni necessarie per l'evacuazione dei cittadini. Autobus e ambulanze sono in servizio nell'insediamento di Muhayam al-Wafidin.

L'organizzazione dei Caschi Bianchi si impegna a proteggere la popolazione pacifica della Siria con neutralità politica e il non coinvolgimento nelle azioni armate. Negli ultimi anni su Internet, appaiono spesso videoclip, in cui persone con elmetti bianchi salvano i bambini dalle macerie. Tuttavia, in parallelo, sono apparsi video in cui è possibile vedere come gli stessi "elmetti bianchi" creano messe in scena, ad esempio mettendo il trucco sulle vittime e dettando come dovrebbero parlare. Inoltre, i giornalisti siriani hanno mostrato una serie di materiali sui quali i "soccorritori" sono stati filmati con armi e in uniforme militare. E il presidente siriano Bashar Assad ha affermato che i membri dell'organizzazione dei Caschi Bianchi sono in realtà sostenitori del gruppo terroristico Al-Qaeda.

 

Correlati:

Casa Bianca commenta dati su uso armi chimiche ad Afrin
Curdi siriani accusano la Turchia di aver usato napalm ed armi chimiche ad Afrin
Russia: ecco la prossima provocazione con le armi chimiche in Siria
Zakharova accusa “Caschi Bianchi” di diffamare le autorità siriane
Konashenkov: solo i Caschi Bianchi parlano di attacco chimico in Siria
Tags:
Armi, Armi chimiche, Armi chimiche, caschi bianchi, Ahrar al-Sham, Al Nusra, ONU, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik