16:48 16 Luglio 2018
L'intervento del presidente Putin all'Assemblea Federale

Putin chiede documenti ufficiali sul “Russiagate” agli Stati Uniti

© Sputnik . Alexey Nikolsky
Mondo
URL abbreviato
15591

Le autorità statunitensi, che hanno accusato 13 cittadini russi di ingerenza nelle elezioni americane, invece di "urlare nel Congresso" dovrebbero fornire documenti ufficiali, ha detto il presidente russo Vladimir Putin in un'intervista sul canale NBC.

"Devo guardare in un primo momento quello che hanno fatto. Dateci i materiali. Dateci le informazioni. Con tutto il rispetto per lei personalmente, con tutto il rispetto per il Congresso, sono necessarie persone con una laurea in legge, al 100%" ha detto Putin.

All'osservazione della conduttrice del canale, Megan Kelly, che lei ha una laurea in legge, Putin ha spiegato: "Coloro che sono ben istruiti, devono capire che in Russia non siamo in grado di perseguire chi non ha violato le leggi russe. È necessario ottenere una richiesta dal Procuratore Generale della Federazione Russa. Dateci i documenti, una richiesta ufficiale ".

"Questo dovrebbe passare attraverso i canali ufficiali, e non attraverso la stampa o attraverso gli le urla e gli schiamazzi nel Congresso degli Stati Uniti" ha concluso.

Il procuratore speciale USA Robert Mueller in precedenza ha accusato 13 cittadini russi tra i quali Evgent Prigogin e dipendenti dell'Agenzia di ricerca su internet, così come tre persone giuridiche del tentativo di interferire nelle elezioni negli Stati Uniti. Tutto questo senza alcuna prova della loro colpevolezza.

Mosca ha più volte respinto le accuse di ingerenza nelle elezioni americane, il segretario stampa presidenziale russo Dmitry Peskov le ha definite "assolutamente infondate".

 

Correlati:

Russiagate, Casa Bianca reagisce al memorandum dei democratici
Facebook ringrazia l'amministrazione americana per le accuse sul Russiagate
Trump: il Russiagate è una vergogna per gli USA
Tags:
Ricerca, russiagate, Russiagate, Congresso, Robert Mueller, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik