11:26 21 Aprile 2018
Roma+ 15°C
Mosca+ 14°C
    Supernova

    Svolta in astrofisica: dilettante fissa il momento esatto dell'esplosione di una stella

    © NASA
    Mondo
    URL abbreviato
    370

    Un fabbro argentino appassionato di astronomia è stato in grado di fare ciò che la comunità internazionale astronomica non è riuscita a fare: fissare il preciso momento della comparsa di una supernova nel corso di un'esplosione. Perché questa scoperta è così importante?

    Comunemente l'esplosione di una supernova è accompagnata dalla morte di una grande stella (almeno superiore alla dimensione del Sole di dieci volte). La stella esplode e si distrugge. La comprensione dell'esplosione di una supernova, permetterà di sapere come sono nati gli elementi chimici nell'Universo e, in una certa misura, come cambia la loro composizione chimica.

    "La supernova consente di capire cosa sta succedendo al corpo celeste, e come esso si è evoluto. La fissazione di questa esplosione nella fase iniziale (proprio questo è riuscito a fare) ci aiuterà a confermare alcune teorie concernenti l'evoluzione dei corpi celesti, che prima si limitavano ad avere una giustificazione teorica", ha spiegato a Sputnik Mundo Melina Bersten dell'Istituto di astrofisica di La plata (Instituto de Astrofísica de La Plata), che si occupa dello studio della scoperta.

    Nel corso della sua esistenza la stella emette luce, si verifica ciò grazie all'energia, emessa all'interno del corpo celeste. A causa del processo di fusione le grandi stelle trasformano gli elementi leggeri in elementi più pesanti. L'energia che viene prodotta nel processo, rende la stella più sostenibile nello spazio celeste. Tuttavia, a un certo punto la combustione cessa di fornire energia, la stella non è in grado di contrastare la gravità e crolla. Per questo all'interno della stella avviene l'esplosione. Lo scoppio di una supernova accade quando l'onda d'urto raggiunge la superficie. In altre parole, rompe tutti gli elementi chimici, che ha prodotto la stella nel corso della sua evoluzione.

    Bersten ha sottolineato che il processo richiede diverse ore, e lo si può notare grazie alla luce nucleare che si accende all'improvviso. Questa luce ricorda il flash della fotocamera, solomolto più potente.

    Al momento, l'osservazione della supernova è l'unico modo per capire come funziona il processo evolutivo, che rappresenta la struttura delle stelle, con altri mezzi è impossibile vedere cosa succede "dentro" il corpo celeste.

    Il problema è che non è possibile prevedere dove e quando avverrà l'esplosione di una supernova, il fenomeno accade in una galassia due-tre volte in un secolo.

    Tuttavia, i ricercatori sono riusciti a confermare la ricerca teorica, secondo cui l'esplosione di una supernova si compone di tre fasi. Per questo gli scienziati hanno beneficiato dei dati, che ha registrato l'astronomo dilettante Víctor Buso. Il 20 settembre 2016 l'osservatore "si è trovato al momento giusto nel posto giusto", puntando il telescopio sulla galassia a spirale NGC 613, che si trova a 70 milioni di anni luce dalla Terra. Viktor ha avuto non solo fortuna, ma intraprendenza: in un'ora di osservazione l'appassionato ha fatto più di una quarantina di scatti e lo ha segnalato all'Unione astronomica Internazionale, perché aveva capito che stava succedendo qualcosa di importante.

    L'argentino ha ripreso la prima delle tre fasi dello scoppio di una supernova (durante la quale si verifica un'esplosione, e un lampo di luce raggiunge la superficie del corpo celeste). La seconda fase dura giorni successivi, durante i quali la stella si raffredda. L'ultima fase, invece, si caratterizza per il riscaldamento del corpo celeste a causa del decadimento radioattivo. La terza fase si protrae per diverse settimane.

    L'analisi dei dati ottenuti dalla ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature. E' stata compiuta dagli esperti del Consiglio Nazionale per la ricerca scientifica e tecnica (Consejo Nacional de Investigaciones Científicas y Técnicas), dall'Istituto de La plata (Instituto de Astrofísica de La Plata), gli esperti dell'Istituto di Radioastronomia (Instituto Argentino de Radioastronomía) e l'Università Nazionale di Rio Negro (Universidad Nacional de Río Negro). Allo studio hanno partecipato anche esperti americani, giapponesi e britannici.

    Correlati:

    Astronomi scoprono a che distanza una supernova può distruggere la vita sulla Terra
    Astrofisici britannici vogliono creare una supernova in laboratorio
    Astronomo russo scopre segreto della supernova del Medioevo
    Tags:
    spazio, scoperta, Spazio
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik