22:25 26 Giugno 2019
Sergei Shoigu

Shoigu si è congratulato con i soldati e veterani per il Giorno del Difensore della Patria

© Sputnik . Russian Defense Ministry
Mondo
URL abbreviato
0 61

Il ministro della Difesa Sergei Shoigu si è congratulato con i soldati russi e veterani per il Giorno del Difensore della Patria.

Ha sottolineato che i militari russi compiono efficacemente il compito di garantire la sicurezza dello stato, proteggono i suoi interessi, migliorano le competenze professionali e con successo lottano contro il terrorismo internazionale.

"Oggi le Forze Armate russe continuano a risolvere efficacemente i compiti per garantire la sicurezza del nostro stato, la difesa dei suoi interessi nazionali. Il personale con fiducia sviluppa moderni armamenti e equipaggiamenti, per migliorare la capacità professionale di combattere il terrorismo internazionale", si legge nel discorso, pubblicato sulla pagina del ministero della Difesa della Russia su Facebook.

Per la giornata il ministro ha ordinato che si compisse il saluto di artiglieria alle 21:00, con il coinvolgimento delle forze militari armate russe a Mosca, Volgograd, Kerch, Murmansk, San Pietroburgo, Smolensk, Tula e nella città di dislocazione delle sedi dei distretti militari, delle flotte, delle armi dell'esercito e della flotta del mar Caspio.

In Russia il 23 febbraio si celebra il Giorno del Difensore della Patria. La festa è nata in URSS, questo giorno, ogni anno, veniva celebrata la festa dell'esercito sovietico e della marina militare. In questo giorno i russi, come regola generale, onorano coloro che hanno servito o servono nei ranghi delle forze Armate, ma la data è diventata l'occasione di augurio per tutti gli uomini.

Correlati:

Russia, Shoigu: In corso negoziati con nazioni per fornitura S-400
Il presidente Bashir ha discusso con Putin e Shoigu della costruzione di una base militare
Shoigu: i droni russi tengono sotto controllo il territorio della Siria
Tags:
soldati, Sergej Shoigu, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik