21:27 17 Luglio 2018
Russia's Deputy Minister of Foreign Affairs Vasily Nebenzya

Opinione: USA definiscono regimi tutti i governi fuori dal loro controllo

© Sputnik . Vladimir Fedorenko
Mondo
URL abbreviato
16200

Presso la rappresentanza permanente della Russia all’ONU è stato chiesto ai colleghi americani di non chiamare le autorità russe “regime di Putin”. In onda su radio Sputnik l’analista politico Vladislav Gulevich condivide la sua opinione sul perché gli USA usino tale retorica.

Il rappresentante permanente della Russia presso l'ONU, Vasily Nebenzya, ha chiesto alla collega americana Nikki Haley di non definire le autorità del paese "regime".

"Voglio ricordare alla rappresentante permanente Haley che in Russia non c'è un regime, ma un presidente e un governo legalmente eletti. Chiederei alla delegazione americana di rispettare il decoro diplomatico elementare. A proposito, anche in Siria c'è un governo legale, che piaccia o meno" ha detto Nebenzya ad una riunione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU dedicata allo statuto dell'organizzazione.

Il diplomatico ha risposto in questa maniera alle parole della Haley sulle azioni "illegali" di Mosca, Damasco, Pyongyang e Teheran.

"I diritti di sovranità della nazione sono fondamentali, ma quando non osserviamo il principio di sovranità, permettendo al regime di Kim, Assad e Putin di agire impunemente, la situazione è esattamente l'opposto" ha detto la rappresentante permanente.

Secondo lei, la Corea del Nord continua a sviluppare il suo programma nucleare e a minacciare i suoi vicini, l'Iran sta destabilizzando la situazione in Medio Oriente, e la Russia nella parte orientale dell'Ucraina. Nel suo discorso, ha anche sottolineato che alcuni paesi "si riferiscono spesso alla sovranità, per giustificare il loro comportamento"

Mosca ha ripetutamente affermato che non è una delle parti in conflitto e che non partecipa agli eventi nel Donbass, ed è interessato affinché l'Ucraina superi la crisi politica ed economica.

L'analista politico e pubblicista Vladislav Gulevich ha condiviso la sua opinione su radio Sputnik sul perché gli Stati Uniti usano questa terminologia.

"L'America vede la Russia come una minaccia per l'ordine mondiale imposto dagli Stati Uniti. La direzione scelta dalla Russia e altri paesi sostiene un mondo multipolare (Cina, Brasile e altri) è una minaccia per gli Stati Uniti, perché mette in dubbio l'esistenza del rigidi ordine mondiale unipolare costruito dagli USA dopo il crollo dell'Unione Sovietica.E tutte le voci che si oppongono a questo ordine mondiale ingiusto, vengono messe a tacere dagli USA, anche con metodi di propaganda. Ad esempio per delegittimare la Russia agli occhi della comunità mondiale, la si chiama "regime" e gli si da alcune connotazioni negative. Gli Stati Uniti stanno cercando di stabilire un "asse del male" ideologico, così tutti i paesi non graditi vengono definiti regimi e tutti i governi controllati da loro, vengono dafiniti dalle autorità democraticamente eletti" ha detto Vladislav Gulevich.

Correlati:

Siria, rapporto ONU: regime Assad ha usato armi chimiche a Khan-Sheikhoun
“Interessi diversi per Cina e Russia, ma non vogliono crollo del regime in Nord Corea”
Lavrov: contrari a cambiamenti di regime ovunque, anche in Nord Corea
Peskov: Rapporto Usa su preoccupazioni russe per tentativo cambio regime giustificate
Tags:
Politica, Politica Internazionale, politica estera, politica, Politica antirussa, Politica USA, Politica americana, ONU, Vasily Nebenzya, Nikki Haley, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik