20:28 22 Aprile 2018
Roma+ 20°C
Mosca+ 3°C
    Camaleonte

    Lucertole e camaleonti: chi spia le strutture nucleari dell'Iran?

    CC0
    Mondo
    URL abbreviato
    591

    L'ex capo dello Stato maggiore delle forze armate, ora alto consigliere militare del capo supremo dell'Iran, Hassan Firouzabadi, ha affermato che "le spie occidentali" hanno utilizzato rettili "che catturano le onde radioattive" per monitorare il programma nucleare del paese.

    Il commento è seguito dopo che uno degli ambientalisti arrestati il ​​mese scorso in Iran, Kavus Seyed Emami, si è suicidato in carcere.

    "Diversi anni fa, la gente arrivava in Iran, presumibilmente per raccogliere aiuti per la Palestina. Il loro percorso e la raccolta di denaro dalle città ci sembravano sospetti. Si dirigevano verso aree deserte. Avevano con sé rettili del deserto: lucertole e camaleonti. Abbiamo appreso che la pelle di queste creature è suscettibile alle radiazioni e che questi animali sono in grado di localizzare le miniere di uranio, così come i reattori nucleari. Cioè, ci hanno spiato per scoprire dove avevamo le miniere di uranio in Iran, e dove siamo impegnati in attività nucleari" ha detto Firuzabadi.

    Le lucertole e i camaleonti possono davvero essere "agenti" di servizi speciali stranieri per "spiare" sulle installazioni nucleari in Iran? Sputnik si è rivolta a Vladislav Starkov, ricercatore presso l'Istituto di Chimica Bioorganica dell'Accademia Russa delle Scienze, erpetologo, partecipante di numerose spedizioni scientifiche in Asia Centrale, Iran, Afghanistan:    

    "Nella mia lunga esperienza di attività scientifica nel campo dell'erpetologia, questa è la prima volta che ne ho sentito parlare. Primo, le lucertole, specialmente i camaleonti, non vivrebbero a lungo in Iran. L'Iran non è un paese tropicale. E questi rettili a sangue freddo sono alla ricerca di luoghi caldi in cui vivere, soprattutto i camaleonti abitano la parte meridionale dell'Oman. Non possono essere interessati alle fredde miniere di uranio.

    In secondo luogo, è assurdo. Se in teoria ipotizziamo che il rettile percepisca la radioattività, allora qui vale il principio "dell'opposto". Cioè, i rettili sono insensibili a questa radioattività, tollerano dosi più elevate di mammiferi e umani.

    Inoltre questi rettili dovrebbero in qualche modo trasmettere informazioni per scopi di spionaggio! Ma non possono farlo da soli. Sensori o dispositivi speciali dovrebbero essere installati su di essi. Pertanto, le conclusioni sulla capacità delle lucertole di essere spie sono illogiche e in nessun modo scientificamente fondate. Se ci fossero altri animali, e fosse possibile ad esempio in certe aree registrare la loro morte, si potrebbe allora supporre che in questi luoghi ci siano depositi di minerali radioattivi. Questo può essere considerato un elemento di spionaggio. Ma questo non può essere fatto con le lucertole. Questi rettili sono insensibili alle radiazioni e se installati su di loro sensori speciali e venissero portati in una zona radioattiva nota, allora le lucertole vivrebbero più a lungo delle altre creature. Questo è un fatto scientificamente provato.

    Inoltre, la pelle della lucertola è costituita da proteine ​​simili alle proteine ​​della pelle umana: cheratina A e B. Nessuno di questi due tipi di cheratina ha la capacità di assorbire o rilevare l'uranio o altre sostanze radioattive. "

    Apparentemente, gli erpetologi iraniani hanno un altro punto di vista scientifico per dimostrare le "abilità di spionaggio" dei rettili, ma si sono rifiutati di confermarli in un'intervista con Sputnik.

    Correlati:

    La Russia sarà al fianco di Israele in caso di attacco da parte dell'Iran
    Siria, Iran smentisce di avere basi o presenza militare nel paese
    Iran, aereo passeggeri precipita nei pressi di Semirom
    L'ambasciata russa in Finlandia non commenta l'ultimo scandalo spionaggio
    Duma commenta fuga di dati di spionaggio su militari russi
    Tags:
    Spionaggio, Nucleare, spionaggio, nucleare, nucleari, Spionaggio, Iran
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik