00:50 17 Dicembre 2018
Ispettori dell'OSCE nel Donbass

“Sorprendono le ultime dichiarazioni della missione OSCE nel Donbass”

© AP Photo / Dmitry Lovetsky
Mondo
URL abbreviato
8235

La missione dell'OSCE ha rilevato un significativo avanzamento delle forze di sicurezza ucraine nel Donbass. Come osservato in un'intervista con Sputnik dalla politologa Natalia Makeeva, dimostra ancora una volta l'incapacità di Kiev di mantenere i patti.

Le forze di sicurezza ucraine sono avanzate nel distretto di Novoaleksandrovka nella parte occidentale della regione di Lugansk, ha dichiarato in una conferenza stampa il vice direttore della missione di monitoraggio speciale dell'OSCE in Ucraina Alexander Hug.

Ha aggiunto che durante la sua visita nella regione ha visto personalmente i soldati ucraini.

Secondo l'ispettore, la scorsa settimana gli osservatori dell'OSCE hanno rilevato 15 mezzi militari schierati in violazione delle linee concordate sul ritiro delle armi. Nove violazioni sono state fissate nelle zone controllate da Kiev, sei nelle aree controllate dai filorussi. Hug ha inoltre comunicato che l'8 febbraio gli ispettori dell'OSCE hanno individuato 8 lanciarazzi multipli nel villaggio di Topolin controllato dalle forze di Kiev.

Nell'autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk hanno registrato 3 violazioni del cessate il fuoco da parte delle forze ucraine, che hanno attaccato 3 diversi villaggi.

A sua volta nell'autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk è stato riferito che il distretto di Gorlovka è stato bombardato. In precedenza i rappresentanti filorussi avevano dichiarato che Kiev si sta preparando ad una nuova aggressione armata nel Donbass.

Secondo Natalia Makeeva, vice direttrice del centro di analisi geopolitica, le notizie sull'avanzamento delle forze ucraine nel Donbass diventano sempre più insistenti nella comunità mondiale.

"Il fatto che questi movimenti delle forze ucraine vengano dichiarati apertamente sottolinea ancora una volta l'incapacità di Kiev di rispettare i patti: nonostante gli accordi di Minsk, questa gente continua a fare la guerra. Mi scrive spesso una persona che vive nella" zona rossa" a Gorlovka, descrive attacchi quotidiani molto violenti, sente costantemente il frastuono dei bombardamenti, relativamente vicino scoppiano le granate. Tutto questo provoca perdite di vite umane. Sono eventi molto spaventosi, è una guerra molto strana. Se fino a pochi mesi fa queste incursioni erano note solo a quelli che vivono sul posto, ora stanno diventando di pubblico dominio nel mondo. Si gettano tutte le maschere", ha detto Natalia Makeeva.

Correlati:

Berlino lega ritiro sanzioni antirusse UE con missione di pace nel Donbass
Ucraina, Lavrov critica la legge sulla reintegrazione del Donbass
Kosachev sicuro: USA per legge reintegrazione Donbass
Il conflitto nel Donbass più lungo della guerra in Bosnia
Donbass, Mosca accusa Kiev: Vuole rompere gli accordi di Minsk
Tags:
Politica Internazionale, Guerra, Accordi di Minsk, Bombardamenti nel Donbass, ATO, esercito ucraino, OSCE, Alexander Hug, Repubblica Popolare di Lugansk, Repubblica popolare di Donetsk, Donbass, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik