22:16 18 Ottobre 2018
USS Gerald R. Ford

Nuova super portaerei della Marina USA non compie attività elementari

© flickr.com/ Michael SanAngelo
Mondo
URL abbreviato
14422

Gli esperti hanno chiesto al Pentagono di rinviare le prove della più nuova super portaerei classe Ford fino al 2024, quando sarà completata la seconda nave della serie, la portaerei John F. Kennedy.

Lo scrive il portale specializzato Task and Puprose, che osserva che la gestione del ministero della Difesa USA per test e diagnosi delle armi nella sua relazione ha indicato la precarietà delle catapulte elettromagnetiche di nuovo sviluppo, dell'impianto aereo e di risalita, di armi e radar.

Questi sistemi non sono di alta tecnologia, se il loro lavoro non viene testato, c'è il rischio che manchi la capacità della nave di eseguire le funzioni di base. In questo scenario, i giudici non la reputano idonea per l'esecuzione di missioni di combattimento,  ad esempio, per partecipare alle operazioni anti-terrorismo.

"Questo potrebbe influire sulla capacità della portaerei di fornire la necessaria frequenza delle partenze degli aerei, renderà la nave vulnerabile e imporrà alcune restrizioni per le operazioni di routine. Debole o suscettibile nell'affidabilità, tra questi sottosistemi critici c'è la sfida più grande, la CVN-78" si legge nella conclusione gli esperti.

La nuova portaerei CVN-78 Gerald R. Ford è costata agli USA la cifra record di 12,9 miliardi di dollari. La nave è stata costituita nel 2009 ed è entrata nella flotta nel 2017.

Il Pentagono prevede di costruire da 10 a 12 portaerei del tipo Gerald R. Ford. Le prime navi dovrebbero entrare in servizio nel 2027.

Correlati:

Portaerei russa "Ammiraglio Kuznetsov" verrà modernizzata nel 2018
La portaerei Ronald Reagan andrà in Corea del Sud
Media: portaerei britannica ha delle falle nello scafo
Tags:
Portaerei, Marina militare, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik