16:09 16 Agosto 2018
Oxfam

Organizzazione umanitaria: sesso in cambio di alimenti?

© REUTERS / Peter Nicholls
Mondo
URL abbreviato
640

La Gran Bretagna ha minacciato di privare l'organizzazione di beneficenza Oxfam di finanziamenti a causa di uno scandalo sessuale.

La Gran Bretagna ha minacciato di smettere di finanziare l'organizzazione umanitaria Oxfam a causa dello scoppio di uno scandalo sessuale. Londra ha ufficialmente chiesto chiarimenti dopo che sono stati resi noti i dettagli sconvolgenti del lavoro della missione di Oxfam ad Haiti.

Sotto il fuoco della critica è finita Winnie Byanyima, direttrice esecutiva della Oxfam, la quale si è giustificata dichiarando che il controllo dell'organizzazione è stato migliorato.

"Quello che è successo in passato, non accadrà di nuovo, abbiamo preso le misure necessarie, ma abbiamo bisogno di fare di più. Annuncio che la leadership dell'organizzazione è determinata a migliorare il sistema di controllo, al fine di garantire che queste cose non accadano mai più…" ha osservato la direttrice esecutiva.

Nel 2010, i membri della Oxfam sono stati tra i primi che sono giunti ad ad aiutare dopo il devastante terremoto ad Haiti. Tuttavia, secondo i resoconti dei media, insieme agli aiuti umanitari, lo staff della missione ha organizzato feste con la partecipazione di prostitute. In una villa in affitto sono state invitate donne haitiane, tra le quali ragazze minorenni.

La Oxfam sostiene di aver licenziato i dipendenti che avevano rovinato la loro reputazione qualche anno fa. Tuttavia, dal lato morale, rimane una questione aperta, perché a giudizio degli osservatori, i membri dell'organizzazione umanitaria hanno approfittato della condizione degli abitanti dell'isola.

Correlati:

Scandali sessuali, gogna mediatica a senso unico
Miliardario cinese dona in beneficenza quasi 1 miliardo $
Trump: da mio figlio stop a beneficenza per evitare conflitto di interesse
L’ambasciata italiana a Mosca devolve in beneficenza il ricavato del mercatino di Natale
Tags:
Aiuti umanitari, Scandalo, Scandalo, Oxfam, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik