09:27 22 Agosto 2018
Jim Carrey

Jim Carrey cancella il suo account Facebook per colpa della Russia

© AP Photo/ Jacques Brinon
Mondo
URL abbreviato
42353

L’attore americano Jim Carrey ha cancellato il proprio account Facebook per colpa dell’ingerenza della Russia nelle elezioni americane.

"Mi libererò delle mie azioni di Facebook e cancellerò il mio profilo perché il social network ha guadagnato sull'ingerenza della Russia nelle nostre elezioni, e ancora ad oggi non fanno abbastanza per fermarla. Invito tutti gli altri investitori che hanno a cuore il nostro futuro di fare lo stesso" ha scritto Jim Carrey sulla propria pagina Twitter. Ha aggiunto l'hashtag #unfriendfacebook e una foto con l'immagine del fondatore Mark Zuckerberg.

​In precedenza, Facebook è giunta alla conclusione che dietro circa 80.000 post su Facebook ci sono "attori russi", e che questi messaggi possono essere stati letti da 126 milioni di americani. Facebook non indica però come questo avrebbe potuto influenzare le elezioni.

Al Congresso è in corso un'indagine indipendente sull'ingerenza russa nelle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, vinte da Donald Trump. Un'indagine simile viene condotto anche dal procuratore speciale Robert Mueller. I media degli Stati Uniti riportano regolarmente citando fonti anonime dei presunti legami dei membri dello staff elettorale di Trump con funzionari e uomini d'affari russi.

Mosca ha ripetutamente negato le accuse di aver interferito nelle elezioni degli Stati Uniti, e il segretario stampa del presidente della Russia, Dmitry Peskov, ha definito le accuse "totalmente infondate".

Correlati:

Financial Times: “Tillerson ha messo in guardia il Messico dall'ingerenza russa”
La vera ingerenza nelle elezioni USA
Russiagate, ex analista della CIA scagiona il Cremlino e accusa FBI per ingerenza elezioni
Direttrice di RT risponde alle nuove accuse della CIA su ingerenza russa nelle elezioni
Tags:
legami con la Russia, Russia, Russia, Indagine, indagine, Congresso, Facebook, Jim Carrey, Robert Mueller, Donald Trump, Mark Zuckerberg, Dmitry Peskov, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik