08:54 19 Ottobre 2018
Nuclear blast

Esperto cinese parla della dottrina nucleare USA

© Sputnik . RIA Novosti
Mondo
URL abbreviato
14113

Secondo l’esperto cinese Chen Junhua la dottrina nucleare USA consiste nel cercare di abbassare la soglia per l’uso delle armi nucleari e di ampliare la loro gamma di utilizzo.

La strategia nucleare statunitense, pubblicata dal Pentagono, aumenta la potenziale minaccia nei confronti di altri paesi, ha detto a Sputnik il vicedirettore del Centro per lo studio dell'Iran presso la Southwest University of China, Chen Junhua.

Nella dottrina il Pentagono ha prestato molta attenzione allo sviluppo delle forze nucleari russe. Tra le altre potenziali minacce sono state nominate la Corea del Nord, l'Iran e la Cina. Il Pentagono ha annunciato che gli sforzi degli Stati Uniti si concentreranno sullo sviluppo di testate nucleari a bassa potenza. La dottrina afferma che gli Stati Uniti continueranno a spendere fondi per modernizzare le forze nucleari e sviluppare elementi della triade nucleare.

"Gli Stati Uniti vogliono mantenere il livello del loro deterrente nucleare. Tradizionalmente si presume che le armi nucleari rappresentino di per se dei deterrenti. Il loro utilizzo durante le reali ostilità provocherebbe danni ingenti per entrambi gli schieramenti, per cui hanno sempre più un ruolo come fattore di intimidazione e le possibilità di di un loro utilizzo in guerra sono poche.

"La dottrina nucleare pubblicata dal Pentagono rappresenta niente meno che un tentativo di abbassare la soglia per l'utilizzo di armi nucleari e di ampliare la gamma del loro uso. Gli Stati Uniti progettano di creare un'arma nucleare "a bassa potenza" per usarla su scala limitata. In realtà, questo significa abbassare la soglia per l'uso di armi nucleari, e dunque significa un aumento della potenziale minaccia per gli altri paesi, che in confronto al passato diventa più evidente" ha detto Chen Junhua.

Secondo lui la dottrina USA potrebbe portare ad una nuova corsa agli armamenti. Specialmente per quanto riguarda i paesi che fin dall'inizio avevano intenzioni di sviluppare le proprie capacità nucleari, queste ultime potrebbero accelerare significativamente i rispettivi programmi nucleari.

L'esperto ha indicato inoltre l'infondatezza dell'affermazione della parte americana secondo cui l'adozione della nuova dottrina è collegata alla minaccia del potenziale nucleare cinese:

"Gli USA sempre tentano di motivare i propri piani strategici con la presenza di un presunto potente avversario. Indicando la crescita economica e la potenza militare cinese, gli USA classificano ora la Cina come potenziale avversario. Diffondendo la teoria della minaccia cinese, parlando dell'aumento delle forze armate cinesi e della presunta minaccia rappresentata da esse, gli Stati Uniti si creano una giustificazione per lo sviluppo di tecnologie nucleari, in particolare nella realizzazione di testate a bassa potenza.

Correlati:

“La dottrina nucleare USA non è l'inizio di una corsa alle armi, ma dell'apocalisse”
Cina ritiene la dottrina militare USA "giustificazione per espandere arsenale nucleare"
La Cina ha criticato la nuova dottrina nucleare USA
Mosca: “la nuova dottrina nucleare americana è fatta da clichè antirussi”
Tags:
Armi nucleari, Nucleare, armi nucleari, nucleare, corsa agli armamenti, disarmo nucleare, Università, Pentagono, USA, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik