04:16 17 Luglio 2018
Hacker

Cybersicurezza, esperto sicuro: “questione di tempo l'11 settembre digitale”

© Fotolia / Tomasz Zajda
Mondo
URL abbreviato
310

L'esperto di tecnologia digitale e di cyber-terrorismo Lars Hilse già nel 2014 aveva scritto che il prossimo "11 settembre" sarebbe stato una versione cibernetica dell'attacco terroristico dell'11 settembre 2001 in America.

"Si è rivelato vero su piccola scala, ad esempio nel caso dell'attacco informatico alla rete televisiva TV5Monde in Francia nel 2015. Nel marzo 2015 è stato effettuato un attacco fisico del cyber-califfato, in seguito al quale sono rimaste danneggiate 11 stazioni televisive satellitari.

Dato che i nostri sistemi operativi stanno diventando sempre più complessi, è abbastanza elevata la probabilità che qualsiasi infrastruttura di rete — ad esempio la rete elettrica o idrica — possa essere sottoposta ad un attacco informatico. Considerando che tutta questa infrastruttura è molto vulnerabile, penso che sia solo una questione di tempo prima che qualcuno possa pensare a come metterla fuori uso."

Sputnik: Cosa può dire sugli attacchi degli hacker alle piattaforme di negoziazione di criptovaluta, come ad esempio alla giapponese Coincheck, da cui sono stati rubati 530 milioni di dollari?

"Sapevamo di alcune lacune nello sviluppo di questo sistema, ma abbiamo anche visto una serie di problemi nel sistema di distribuzione dei fondi. Ancora oggi le banche centrali lottano attivamente contro il problema della falsificazione del denaro.

Penso che internet non sia stato creato pensando alla sicurezza, quindi occorrerà affrontare molte altre lacune in futuro, fino a quando qualcuno non creerà un "internet oltre internet", che sarà sicuro e ci consentirà di eseguire le operazioni più delicate.

Ma, a quanto pare, gli attacchi degli hacker sono difficili da tracciare. […] È solo questione di tempo prima che le compagnie assicurative rinunceranno ad occuparsi di questi casi e le loro polizze non copriranno tali rischi.

Recentemente abbiamo assistito ad un brusco calo del valore delle criptovalute. Ciò dimostra ancora una volta che si tratta di strumenti estremamente complessi. Penso che dobbiamo fare un passo indietro e ricordare a noi stessi che i mercati della cripto-valuta sono in uno stato embrionale, e il bitcoin è ancora il "bambino più grande". Scorrerà molta acqua prima che il bitcoin sarà utilizzato dalla maggior parte delle persone in tutto il mondo. Sì, assisteremo a manipolazioni, con successo e senza successo. Vedremo come il valore delle criptovalute si gonfierà e crollerà, come vengono svalutate le monete… Succederà l'abbiamo già passato quando l'euro è stato introdotto e molti dicevano: "Mio Dio! Riceveremo denaro contraffatto, perché non sappiamo nemmeno come è fatto! "Può succedere molto, ma osservo con calma la situazione, perché questa idea ha dimostrato il suo valore e il sistema di blocco stesso è sicuro."

Correlati:

Prevista imminente catastrofe globale
Hacker nordcoreani hanno violato borsa online di criptovalute
Pyongyang ha rubato alla Corea del Sud diversi milioni di dollari in criptovaluta
Tags:
Informatica, Tecnologia, Terrorismo, Sicurezza, internet, Informazione, cyber-security, Lars Hilse
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik