09:44 24 Maggio 2018
Roma+ 20°C
Mosca+ 21°C
    Jean-Claude Juncker

    Per entrare in UE Slovenia e Croazia dovranno risolvere dispute territoriali

    © AP Photo / Geert Vanden Wijngaert
    Mondo
    URL abbreviato
    551

    Juncker ha sottolineato che il problema del conflitto territoriale tra Lubiana e Zagabria è una questione importante.

    I governi dell'UE dei Balcani occidentali non potranno entrare nell'UE se Slovenia e Croazia non risolveranno le loro dispute territoriali. Lo ha comunicato il presidente dell'Eurocommissione Jean-Claude Juncker.

    Durante il proprio discorso davanti ai deputati del Parlamento Europeo a Strasburgo, Juncker ha sottolineato che il problema del conflitto territoriale tra Lubiana e Zagabria è una questione fondamentale, la quale se non verrà risolta rende impossibile l'entrata dei due paesi all'UE.

    "L'entrata di nuovi paesi dei Balcani occidentali nell'UE non potrà avvenire finché le dispute territoriali non verranno risolte" ha detto Juncker.

    Ha anche osservato che non ha senso sostenere che le controversie sui confini si "stabilizzeranno" dopo l'adesione degli stati all'UE.

    "La questione va risolta prima dell'entrata nell'Unione, altrimenti i nuovi governi non aderiranno" ha detto Juncker. Inoltre il presidente dell'Eurocommissione ha dichiarato che Slovenia e Croazia "devono comportarsi responsabilmente".

    Ricordiamo che gli ex membri della Jugoslavia, Croazia e Slovenia, reclamano la stessa superficie territoriale nella zona del Vallone di Pirano nel Mare Adriatico.

    Secondo i risultati della corte dell'Aia, è stato stabilito che la Slovenia ha il diritto di entrare nelle acque internazionali attraverso le acque territoriali croate nel mare Adriatico, così come i tre quarti dell'area del Vallone di Pirano. Zagabria ha rifiutato di accettare questa decisione.

    Ricordiamo inoltre che i candidati all'adesione all'UE nei Balcani sono l'Albania, la Macedonia, la Serbia e il Montenegro, la Serbia già a partire dal 2014 e il Montenegro dal 2012 che già negozia l'adesione. La Bosnia Erzegovina è in attesa dello status di candidato all'adesione all'UE da febbraio 2016.

    In precedenza, la Commissione Europea ha annunciato l'intenzione di accelerare il processo di adesione all'UE dei paesi situati nella parte occidentale della penisola balcanica.

    Correlati:

    UE, Juncker: Sbagliato imporre sanzioni a Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria
    Juncker si aspetta ampliamento UE tra il 2019 e 2024
    Juncker: l’UE deve creare una unione di difesa europea entro il 2025
    Stati Uniti, Juncker: Ue proteggerà i propri interessi
    Tags:
    Politica, Nuove adesioni, Adesione, ingresso in UE, Adesione all'UE, UE, Parlamento Europeo, Jean-Claude Juncker, Strasburgo, Slovenia, Croazia, Balcani, UE
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik