09:23 17 Novembre 2018
Caffè

Italia: il caffè fa bene o fa male alla salute?

CC BY 2.0 / russelljsmith / Flat White Coffee
Mondo
URL abbreviato
381

Solo degli scienziati italiani avrebbero potuto condurre uno studio sulle proprietà del caffè per comprendere se le bevande a base di caffè possano essere considerate parte di una dieta sana.

L'epidemiologo nutrizionista dell'Università di Catania Giuseppe Grosso e i suoi colleghi hanno raccolto tutti gli studi sugli effetti del caffè sulla salute umana e hanno analizzato tutti gli effetti negativi e positivi. Hanno pubblicato i risultati dello studio su Annual Review of Nutrition.

Gli scienziati hanno studiato 127 ricerche sul caffè scoprendo che in nessuna di esse sono emerse prove convincenti sugli effetti benefici della bevanda sul corpo umano. Tuttavia, in alcuni studi, è stato affermato che il consumo di caffè aiuta a ridurre il rischio di cancro fino al 20%, malattie cardiovascolari fino al 5%, così come il diabete tipo II e il morbo di Parkinson fino al 30%. Inoltre, una predilezione per il caffè, come affermato in uno studio, aiuta a ridurre il tasso di mortalità da qualsiasi tipo di malattia.

È assolutamente certo invece che le donne in gravidanza dovrebbero fare attenzione con il caffè. Alcuni studi hanno trovato un collegamento tra il caffè e un maggiore rischio di aborto spontaneo. Grosso dice che il feto non possiede un enzima in grado di abbattere la caffeina, quindi quando la madre beve il caffè la sostanza si accumula nel corpo in formazione.

Per quanto riguarda le proprietà del caffè, che presumibilmente riducono la probabilità di sviluppare cellule tumorali, Grosso ha spiegato che questo "superpotere" funziona esclusivamente tra i non fumatori.

Gli scienziati italiani riassumono che gli amanti del caffè possono tranquillamente giustificare la loro "dipendenza" per due motivi principali. Innanzitutto, i chicchi di caffè contengono sostanze fitochimiche che hanno effetti antiossidanti e antinfiammatori.

In secondo luogo, la caffeina e gli antiossidanti hanno un effetto specifico sugli enzimi che regolano la funzionalità epatica, la produzione di insulina e la riparazione del DNA. Questo aiuta a proteggere contro il morbo di Parkinson, tumori e il diabete.

Ironia della sorte, Grosso osserva che per gli italiani stessi, tutto ciò che non è un espresso è chiamato "acqua sporca" e non è bevibile. Però in questa maniera la maggior parte degli italiani riceve una quantità insignificante di caffeina (fino a 75 mg al giorno, quando la norma dovrebbe superare i 350 mg).

Correlati:

I chimici hanno studiato i dettagli di preparazione del caffè freddo
Media: i bus di Londra andranno a caffè
Rogozin su cantieri navali ucraini: porteranno il caffè ai marines americani
OMS, allarme anche per il caffè?
Tags:
studio, caffè, Università, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik