10:46 23 Maggio 2018
Roma+ 18°C
Mosca+ 19°C
    Caccia russo Su-25 abbattuto in Siria

    Sul web le ultime parole del pilota russo eroe ucciso in Siria

    © AFP 2018 / Omar Haj Kadour
    Mondo
    URL abbreviato
    33502

    In rete è apparso il video con gli ultimi minuti di vita del pilota russo ucciso nella provincia siriana di Idlib in una zona controllata dai terroristi islamici di Al-Nusra.

    Nel video si sentono le ultime parole di Roman Filippov: "E' per voi, ragazzi!". Dopodichè si sente il rumore degli spari.

    Il caccia Su-25 guidato da Filippov è stato abbattuto ad Idlib da un lanciarazzi antiaereo portatile. Il pilota è riuscito ad espellersi e una volta a terra ha ingaggiato uno scontro a fuoco con i jihadisti di Al-Nusra. Alla fine ha fatto esplodere una granata per evitare di essere catturato dai terroristi.

    Il governatore ad interim del Primorsky Krai Andrey Tarasenko ha porto le sue condoglianze ai parenti e agli amici di Roman Filippov, segnalano le agenzie di stampa russe. Nel suo messaggio ha scritto che il servizio militare e il destino dell'ufficiale erano strettamente legati a Vladivostok e alla regione. Secondo Tarasenko, Filippov era un asso dell'aviazione d'assalto nazionale, un uomo valoroso e coraggioso, che onestamente aveva onorato il suo impegno militare sia in Russia che all'estero.

    Correlati:

    Autorità del Primorsky Krai ricordano il pilota russo ucciso in Siria
    Siria, abbattuto caccia russo Su-25 nella provincia di Idlib
    Siria, raid di precisione nella zona di Al-Nusra dove è stato ucciso il pilota russo VIDEO
    Pentagono: USA non hanno fornito agli alleati della coalizione in Siria armi antiaeree
    Il pilota abbattuto in Siria nel Su-25 non attendeva la minaccia, ha detto l'esperto
    Jabhat al-Nusra rivendica la responsabilità del Su-25 abbattuto in Siria
    Abbattimento Su-25, Washington: mai fornito i ribelli in Siria con MANPADS americani
    Tags:
    Terrorismo, crisi in Siria, Al-Nusra, Siria, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik