07:49 26 Aprile 2018
Roma+ 9°C
Mosca+ 7°C
    La bandiera americana

    USA: riconosciuto vantaggio russo nei sistemi di Difesa aerea e di armi ad alta precisione

    CC BY 2.0 / HarshLight / Flag
    Mondo
    URL abbreviato
    5142

    Le forze armate USA non sono pronte a rispondere alle sfide di eventuali chiamate da parte della Russia e della Cina. Lo ha detto il dipendente del Centro di sicurezza americana Paul Sharre.

    Secondo l'analista, da parte di Pechino ci sono minacce di "centinaia di missili da crociera e oltre 1000 missili balistici", e Mosca, a sua volta, supera l'esercito americano per diversi tipi di armi.

    "Gli Stati Uniti sono inferiori alla Russia, che rispetto a loro investe di più nel miglioramento del proprio potenziale per attacchi di precisione a lungo raggio, e anche nel potenziamento dei sistemi di difesa aerea, mezzi e metodi di guerra elettronica" riporta RT.

    L'esperto ha osservato che gli USA stanno perdendo a causa della mancanza della "flessibilità strategica" e previsione tempestiva. Inoltre, a suo parere, la burocratizzazione del sistema americano può ritardare l'introduzione di nuove armi per decine di anni.

    Sharre ha sottolineato che per rispondere ad eventuali chiamate il Pentagono dovrebbe abbandonare "progetti ambiziosi" e modificare la struttura di finanziamento degli sviluppi militari. In particolare, secondo l'analista, è necessario stanziare ulteriori fondi per la creazione e l'acquisto di bombardieri strategici, lo sviluppo di droni invisibili e la tecnologia di guerra elettronica.

    Negli ultimi tempi le autorità americane hanno ripetutamente dichiarato del pericolo proveniente da Russia e Cina. Così, nella nuova "strategia di difesa nazionale" e nella dottrina nucleare americana Mosca e Pechino figurano tra le principali minacce alla sicurezza del paese. Inoltre, alla fine di gennaio, Donald Trump ha chiamato questi stati avversari degli USA. Poi il vice presidente del comitato generale dell'Aeronautica Paul Selva ha detto che il Pentagono sta sviluppando un "piano globale" di campagne militari in caso di un eventuale conflitto con la Russia e la Cina.

    A Mosca hanno dichiarato che dispiace questa retorica di Washington e ha promesso di prendere le misure "per garantire la propria sicurezza". Il ministero degli Esteri ha più volte sottolineato che la Russia è pronta al dialogo con gli USA in diversi settori.

    Correlati:

    Pentagono: USA non hanno fornito agli alleati della coalizione in Siria armi antiaeree
    Russia, Shoigu: l’esercito ha ricevuto nel 2017 oltre 3500 armi moderne
    La Russia vende armi ai paesi della Nato
    Tags:
    Armamenti, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik