04:53 16 Luglio 2018
La bandiera americana

Crisi militare: il nuovo corso della Casa Bianca

CC BY 2.0 / Dave Parker / Blue Sky
Mondo
URL abbreviato
4020

La nuova dottrina nucleare del Pentagono può portare non solo a una nuova corsa agli armamenti nucleari, ma anche a una grave crisi militare, ritiene il direttore del programma della fondazione del club Valdai Dmitry Suslov.

Un cambiamento importante — aumento del ruolo delle armi nucleari

Come ha dichiarato l'esperto, negli ultimi quattro anni, il confronto USA-Russia si è sviluppato prevalentemente in politica, nel mondo dell'informazione e dell'economia. Nel settore militare era presente in misura minima. Il cambiamento ufficiale NATO per il contenimento della Russia, annunciato nel 2014, fino ad ora è stato prevalentemente dichiarativo e di natura politica,  militarmente era modesto: la scala reale di estensione delle infrastrutture militari della NATO nel mar Baltico e del mar Nero regioni era piccola.

Tuttavia, nella nuova dottrina nucleare, secondo la valutazione di Suslov, "si prevede un cambiamento qualitativo della politica in materia di armi nucleari".

"Il dato negativo è sulla natura del confronto attuale russo-americano e, soprattutto, l'incapacità dell'amministrazione Trump di avere un normale dialogo con Mosca e soprattutto accordarsi su temi come la sicurezza internazionale e informatica e il controllo degli armamenti nucleari, a causa della situazione politica negli USA,  il nuovo corso della Casa Bianca può portare non solo a una nuova corsa agli armamenti nucleari, ma anche a una grave crisi militare, con conseguenti scontri militari diretti tra Russia e USA e anche all'escalation nucleare" ha avvertito l'esperto in un articolo per il sito del club Valdai.

Come analogia Suslov ha ricordato la crisi dei missili del 1962 e la crisi dei missili del 1983.

"E oggi la situazione strategico-militare è molto più complessa e sofisticata, che durante la guerra fredda. Di conseguenza, il potenziale destabilizzante di queste crisi è significativamente aumentato", avverte.

Secondo l'esperto, il cambiamento principale della dottrina nucleare americana è che l'amministrazione di Donald Trump promuove il ruolo delle armi nucleari nella strategia di difesa del paese, nonostante la precedente amministrazione di Barack Obama e George w. Bush abbiano cercato di ridurla. 

Stranamente, la dottrina ha i suoi vantaggi. Paradossalmente, in questo caso, ci sono i suoi pro, ritiene l'esperto.

"Il rifiuto USA di riduzione delle armi nucleari e delle declamazioni sulla necessità di un movimento "senza nucleare nel mondo", caratteristico per l'amministrazione Obama, rafforza la stabilità strategica e allevia uno dei più importanti stimoli nel rapporto con la Russia" ha detto l'analista nel suo articolo.

Egli ha sottolineato il ritorno della grande-competizione a livello globale e la transizione delle relazioni USA — Russia e USA- Cina nello stato di confronto, che si nota nella Strategia nazionale di sicurezza e difesa nazionale, la nuova dottrina nucleare USA richiede di rafforzare la deterrenza nei rapporti tra le grandi potenze, in particolare quelle nucleari.

"Così l'importanza delle armi nucleari come strumento strategico di contenimento per rafforzare la stabilità oggi cresce sempre di più. Il riconoscimento di questo gli USA nella dottrina possono solo riconoscerlo", ha sottolineato.

Lati negativi per la stabilità strategica

Allo stesso tempo la preoccupazione degli esperti la definiscono in un paio di circostanze, "che insieme rafforzano l'attuale inversione americana nel settore delle armi nucleari e indeboliscono la stabilità strategica e possono portare la Russia e gli USA ad una forte militarizzazione della crisi e al conflitto".

Si tratta del corso per lo sviluppo e la distribuzione, soprattutto in Europa e in Asia, di nuovi tipi di armi nucleari tattiche con "piccolo potere distruttivo" e i loro supporti, prima di tutto il missile da crociera marittima subacqueo. La seconda circostanza è l'erosione delle condizioni di uso delle armi nucleari, almeno rispetto alla dottrina del 2010.

"Nel presente documento si indica che gli USA ammettono l'uso di armi nucleari in risposta a ad un attacco non nucleare, non solo contro gli stessi Stati Uniti e alleati, ma anche contro i "partner" dell'America. Possono essere usate contro quelli che gli USA considerano nemici, questo significa che d'ora in poi, Washington prenderà seriamente in considerazione l'uso di armi nucleari in caso di minacce alla sicurezza?" si chiede l'esperto.

Il problema più importante secondo l'esperto è l'incapacità di Mosca e di Washington di "stabilire un dialogo normale, così come è stato negli anni 1960-1980".

Correlati:

Usa, Trump: dobbiamo modernizzare nostro arsenale nucleare
Elise Stefanik: "USA incapaci di neutralizzare attacco nucleare di Russia o Cina"
Nucleare, verso estensione accordo Russia-Argentina
Tags:
nucleari, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik