12:33 21 Febbraio 2018
Roma+ 7°C
Mosca-10°C
    Sergej Naryshkin

    Politologo commenta visita di Naryshkin a Washington

    © Sputnik. Evgeny Biyatov
    Mondo
    URL abbreviato
    111

    L’esperto e direttore del Centro per la politica contemporeanea, il politologo-americanista Viktor Olevic, ha commentato per Sputnik la visita del direttore del Servizio per l’intelligence estero della Russia, Sergey Naryshkin, osservando che non è la prima volta che vengono fatte tali eccezioni nella politica delle sanzioni degli USA.

    "La Russia è una delle principali potenze mondiali. Qualunque lista di sanzioni verrà adottata dagli americani e dagli europei, è chiaro che praticamente nessuna crisi internazionale sarebbe più risolvibile. Pertanto, incontri e dialoghi tra la leadership dei servizi speciali e dei rappresentanti dei servizi di sicurezza e di altre figure politiche sono un elemento di relazioni reciproche tra i nostri paesi da cui non si può fuggire, indipendentemente se siano ostili o meno. Tale dialogo è stato mantenuto anche a diversi livelli durante la Guerra Fredda", ha affermato.

    In precedenza, il portavoce del Dipartimento di Stato Heather Nauert, commentando la visita a Washington di Naryshkin, ha detto che gli Stati Uniti si può sospendere il divieto di visto, quando si tratta di interessi nazionali.

    Correlati:

    I servizi segreti americani: abbiamo sottovalutato la Corea del Nord
    Arrestato l'organizzatore dell'attentato di San Pietroburgo dai servizi segreti russi
    Tags:
    Relazioni Internazionali, Servizi segreti, relazioni, servizi segreti, Servizi di sicurezza, Relazioni con la Russia, servizi segreti, Servizi Segreti, servizio controspionaggio, servizi di sicurezza, Sergey Naryshkin, Heather Nauert, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik