22:16 20 Aprile 2018
Roma+ 19°C
Mosca+ 10°C
    Kosovo

    Madrid contro l'integrazione europea del Kosovo

    © Sputnik . Natalya Grebenyuk
    Mondo
    URL abbreviato
    4111

    I media hanno riferito che la Spagna ha consegnato a Bruxelles un documento in cui Madrid si è detta nettamente contro l'inclusione del Kosovo in qualsiasi processo di allargamento dell'Unione Europea nella regione.

    La prospettiva europea per Albania, Bosnia, Macedonia, Montenegro e Kosovo esiste già da tempo, il 6 febbraio la Commissione Europea ha dovuto prendere in considerazione la strategia di espansione. Tuttavia, la Spagna, che non riconosce il Kosovo, dopo la crisi catalana ha deciso di agire con più forza e fermare il Kosovo "con un approccio a distanza" all'Unione Europea.

    Questo è il primo caso in cui uno stato UE ha richiesto a Bruxelles di non includere una repubblica autoproclamata con altri stati riconosciuti a livello internazionale nei Balcani.

    Il professore di diritto internazionale Dejan Mirovic ha ricordato a Sputnik che Bruxelles ha firmato con il Kosovo un accordo di stabilizzazione e adesione in violazione formale del protocollo che prevede che tutti gli stati dell'UE devono ratificare questo accordo. La decisione di Madrid aggrava ulteriormente le strane relazioni dell'UE e della provincia meridionale serba:

    "E ' evidente che cinque stati membri dell'UE (Spagna, Slovacchia, Cipro, Grecia, Romania) non riconoscono il Kosovo, e Bruxelles può condurre i negoziati di adesione solo con gli stati. L'UE è in un vicolo cieco, è il risultato di un doppio standard, applicato alla Serbia. La situazione è incredibile: una parte dell'UE sta negoziando con l'UE, mentre la seconda parte li blocca. Questo dimostra solo che il Kosovo è un indifendibile progetto dell'UE" ha detto.

    Mirovic osserva che la Spagna gioca un ruolo importante nell'UE, e quindi l'UE e Kosovo avranno gravi problemi.

    Il politologo Aleksandar Stojanovic ha detto che dopo 18 anni il conflitto interno in Jugoslavia e dopo quasi 10 anni dalla dichiarazione unilaterale di indipendenza del Kosovo, si è a un nuovo bivio.

    "In Kosovo ora agiscono potenti clan creati nel periodo della guerra di fine anni ' 90, gestiscono la società. E l'élite politica del Kosovo non è pronta a cambiare, in questo c'è il più grande problema" ha detto l'esperto.

    Stojanovic ha ricordato che i politici kossovari hanno smesso di ricevere visti degli stati che sono stati loro i principali partner, questo dimostra che l'attuale politica di Pristina non è la benvenuta in Occidente. All'inizio di gennaio, il primo ministro del Kosovo Ramos Haradinaj è stato accusato da Belgrado di crimini di guerra, non ha potuto visitare gli USA, non gli è stato concesso il visto. Il quotidiano di Pristina Koha Ditore ha scritto della domanda di partecipazione di Haradinaj al summit di investimenti a Londra a febbraio: il visto del capo di gabinetto dell'auto-proclamata repubblica non è stato ancora approvato.

    Commentando l'iniziativa di Madrid, l'esperto spiega che si tratta di un desiderio di mantenere la propria sovranità.

    "Quanto la Spagna possa rallentare il processo di integrazione europea degli altri paesi dei Balcani Occidentali è difficile da prevedere. In ogni caso, la Spagna dimostra una forte presa di posizione: il Kosovo non è uno stato. Se aggiungiamo che alcuni paesi hanno ritirato la decisione sul riconoscimento dell'indipendenza del Kosovo (Guinea-Bissau, Suriname), l'auto-proclamata repubblica ha davvero dei problemi"  conclude.

    Correlati:

    Uno strano avviso da Washington.. chi ha ucciso il politico serbo in Kosovo?
    Il Kosovo è il paradiso della mafia
    Il Kosovo si candiderà per l’adesione al Consiglio d'Europa
    Tags:
    Adesione all'UE, UE, Kosovo
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik