01:10 06 Dicembre 2019
Cacciatorpediniere della Marina britannica HMS Duncan

Duma di stato: presenza nave NATO in mar Nero è provocazione

© flickr.com / Defence Images
Mondo
URL abbreviato
4619
Seguici su

La NATO sta cercando di mantenere artificialmente le tensioni nelle relazioni con la Russia, inviando le sue navi da guerra nel mar Nero. Tale opinione è stata espressa dal deputato della Duma di stato della Federazione Russa di Sebastopoli Dmitry Belik.

Ieri delle due navi dell'Alleanza Atlantica, il cacciatorpediniere della Royal Navy della Gran Bretagna HMS Duncan e la fregata turca Gaziantep sono entrate nel mar Nero.

"Non è un tentativo di nascondere azioni provocatorie" ha detto Belik a Sputnik. "Qualsiasi azione delle navi della NATO nel Mar Nero è una dimostrazione di forza". Il gioco del flettere i "bicipiti" è stato ideato principalmente per l'elettorato europeo ed americano, per essere sicuri, che la NATO sia "la padrona del mare", e che i russi si spaventino.

Tuttavia, il deputato è sicuro che i generali della NATO non saranno in grado di intimidire la Federazione Russa con le loro provocazioni, quanto piuttosto sono in grado di convincere i russi di aver bisogno di un esercito ancora più efficiente.

Il comando navale riunito della NATO in precedenza ha informato circa l'ingresso nel mar Nero di due navi lanciamissili, la fregata turca Gaziantep, e il cacciatorpediniere britannico della Royal Navy Duncan.

Correlati:

Foreign Policy: la retorica di Trump potrebbe costare la leadership americana nella NATO
Caccia NATO intercettano aereo russo sul Baltico con transponder spento
Trovata su una spiaggia russa del mar Nero una cassa con proiettili antiaerei della NATO
In Russia definito “ostile” l'ingresso di nave da guerra USA nel Mar Nero
Tags:
Espansione NATO, NATO, Presenza militare NATO, Presenza NATO nell'area post-sovietica, Esercitazioni NATO, Navi NATO, Duma di Stato, Duma, Dmitry Belik, Mar nero
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik